Un ‘mondo’ di app spaziali

E’ arrivata l’estate e i cieli sereni permettono di trascorrere serate ad osservare stelle e pianeti. E grazie ai nostri smartphone e tablet la ricerca di oggetti celesti è diventata molto più semplice.

Esistono numerose app per iOS e Android che possono aiutare gli appassionati astrofili a localizzare velocemente le costellazioni nel cielo notturno. Ma non solo, ci sono anche app che permettono di studiare più nel dettaglio oggetti spaziali molto più esotici, come gli esopianeti.

Sono moltissime le app per orientarsi nel cielo stellato.

Tra le più conosciute ci sono Star Walk 2 per iOS e Android, Star Chart (iOS, Android), e la famiglia SkySafari con le varie versioni di SkySafari 4 e 5. Tutte queste app, alcune gratuite, altre a pagamento, riescono a soddisfare l’esigenza sia di curiosi osservatori amatoriali che di professionisti che usano telescopi. Funzionano molto facilmente, basta puntare lo smartphone o tablet verso il cielo e l’app riconoscere in tempo reale quale costellazione, stella o pianeta si sta guardando.

Crediti: SkySafari

L’applicazione Exoplanet – al momento disponibile solo per il sistema iOS – è invece un buon mezzo per tenersi aggiornati sulle continue scoperte di nuovi pianeti extrasolari. Il conteggio è sempre aggiornato sugli ultimi ritrovamenti, che per ora è a quota 3309 esopianeti confermati. Permette poi di ‘viaggiare’ per la galassia, in una mappa interattiva in 3D per vedere dove si trovano tutti i vari pianeti, inclusi quelli del nostro Sistema Solare.

Crediti: Exoplanet

La Luna gode anche di un buon numero di app dedicate. Ce ne sono con mappe dettagliate in 3D come Moon Atlas per iOS e Moon Atlas 3D per Android, ma anche applicazioni che tengono traccia di tutte le fasi lunari, incluse le eclissi sia del nostro satellite che quelle solari (Deluxe Moon Pro – Moon Phases Calendar).

Per i device Apple esistono, inoltre, altre versioni di Moon Atlas, dedicate però ai pianeti del Sistema Solare. Da Mercury Atlas, a Venus, Mars, Jupiter e Saturn Atlas, ma anche Luminos che funziona anche su AppleWatch. Sono mappe interattive con descrizioni delle caratteristiche dei vari pianeti, delle loro superfici e delle loro numerose lune (per quelli che ne hanno ovviamente). Per Android sono disponibili versioni simili, come Mars in HD e Planets.

Crediti: Julian James

Gli appassionati di spazio possono godersi anche ISSLive (iOS e Android). Un’app dedicata alla Stazione Spaziale Internazionale, che fornisce tour virtuali della Stazione, dati in continuo aggiornamento sull’equipaggio della ISS e dove si trova in tempo reale, particolarmente utile per l’osservazione da Terra con un telescopio.

Per chi volesse, invece, imparare e studiare un po’ di astrofisica esistono per iOS Astrophysics I & II, la prima dedicata al Sistema Solare e la seconda alle stelle, e Astrophysics in Action per Android che permette di imparare (in maniera grezza) alcuni calcoli e formule tipiche dell’astrofisica.

Crediti: Astrophysics

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Un ‘mondo’ di app spaziali