Troppo caldi per la vita

La maggior parte degli esopianeti non avrebbe le condizioni adatte a favorire lo sviluppo della vita a causa dell’atmosfera troppo calda e soffocante.

Queste sono le conclusioni di una ricerca congiunta condotta dell’Imperial College di Londra e dell’Institute for Advanced Studies di Princeton che arriva a poca distanza dalle scoperte ad opera di TRAPPIST e Kepler. I telescopi hanno individuato numerosi pianeti simili alla Terra situati nella zona abitabile e orbitanti intorno a una stella nana di tipo M, meno luminosa e più piccola del Sole.

Lo studio suggerisce che solo alcuni dei pianeti possano realmente essere abitabili e precisamente solo quelli di massa inferiore alla Terra comparabili con Venere o Marte.

Un fatto già noto alla comunità scientifica è che molti esopianeti hanno atmosfere piuttosto spesse formate prevalentemente da idrogeno ed elio, costituenti circa l’1% della massa planetaria mentre quella della Terra rappresenta circa un milionesimo. L’effetto serra generato da un’atmosfera soffocante come questa renderebbe la superficie troppo calda perchè vi possa essere acqua allo stato liquido e il pianeta sarebbe inadatto ad ospitare la vita.

Una seconda ipotesi prevede che nel corso di migliaia di anni di evoluzione i raggi X uniti alla radiazione ultravioletta generati dalla stella madre possano dissolvere l’atmosfera, migliorando le condizioni di abitabilità.

Questa teoria è stata smentita dalle simulazioni al computer effettuate dal team autore della ricerca: la spessa coltre di idrogeno ed elio non riesce a sfuggire alla gravità dei pianeti con masse simili o superiori a quella terrestre e ciò comporta la permanenza dell’atmosfera soffocante.

Nonostante le previsioni non proprio positive non tutto è perduto secondo gli scienziati: è possibile che, al contrario dei pianeti più grandi, quelli di dimensioni ridotte riescano a perdere l’atmosfera tossica per evaporazione.

Le missioni di esplorazione planetaria in programma nei prossimi decenni potrebbero quindi svelare nuovi dettagli sulle condizioni di abitabilità dei mondi al di là del Sistema Solare.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Troppo caldi per la vita