TRAPPIST-1 sotto l’occhio di Kepler

(ASI) – Kepler, il cacciatore di esopianeti, ha reso noti alcuni dati riguardanti TRAPPIST-1, una nana rossa ultra fredda – situata a circa 40 anni luce dalla Terra – che ospita sette pianeti di dimensioni simili al nostro pianeta. L’animazione in basso mostra al centro la quantità di luce individuata in ogni pixel e catturata dalla camera a bordo della sonda. Kepler rileva una variazione di luminosità quando un pianeta passa davanti alla sua stella, intercettando il punto di vista del telescopio. Il pianeta in transito blocca una piccola frazione della luce stellare, che produce piccole variazioni della stella ospite. Un oggetto di dimensioni simili alla Terra, come quelli del sistema di TRAPPIST-1, crea solo una variazione di luminosità inferiore all’1%, impercettibile a occhio nudo. I dati raccolti da Kepler fanno riferimento al periodo che va dal 15 dicembre 2016 al 4 marzo scorso. La sonda, operante nella missione K2, ha effettuato 60 misurazioni della luminosità, catturate dalla camera di bordo una volta al minuto per un’ora il 22 febbraio: l’immagine copre una porzione di cielo pari a 11 pixel quadrati. Al momento le informazioni raccolte da Kepler sono in fase di analisi: una volta affinate le stime sarà possibile avere più dati sul sistema planetario e evidenziare l’eventuale presenza di altri pianeti. TRAPPIST-1 osservata da Kepler. Credit: NASA Ames/G. Barentsen

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

TRAPPIST-1 sotto l’occhio di Kepler