Supernova scovata dai cittadini

Una supernova mai vista prima brilla in cielo (l’immagine a sinistra in foto). A scovarla, un gruppo di più di 800 appassionati di spazio.

Merito del progetto zooniverse, un esempio di quelle attività di ricerca cui partecipano semplici cittadini, la cosiddetta citizen science, mettendo a disposizione della scienza il loro tempo, e i loro computer e telescopi.

In questo caso i cittadini hanno aiutato gli astronomi dell’Australian National University (ANU) a scovare e caratterizzare SN2017dxh, questo il nome scelto per il nuovo brillante astro. La sua esplosione è avvenuta all’incirca 970 milioni di anni fa, “prima che i dinosauri facessero la loro comparsa sulla Terra”, spiega Brad Tucker, a capo del team.

Gli scienziati australiani avevano, infatti, lanciato un appello, rivolto a tutti gli appassionati di astronomia, ad aiutarli nella caccia alle supernove, stelle che esplodono una volta esaurito il proprio combustibile nucleare. Eventi rari e preziosi per carpire i segreti del Cosmo, come la sua espansione accelerata.

“In poche ore hanno risposto centinaia di persone”, commenta Tucker. I cittadini scienziati hanno analizzato le immagini del telescopio di 1,3 metri SkyMapper, presso il Siding Spring Observatory australiano.

“Da quando abbiamo lanciato il progetto, abbiamo già classificato più di 1300 immagini – aggiunge il capo del team australiano -. È esattamente la categoria di supernova che stavamo cercando. Una supernova di tipo Ia (originata dall’esplosione di una nana bianca, ndr) – conclude Tucker -. Al momento, stiamo monitorando altre possibili 18 esplosioni”.

Crediti Foto: ANU

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Supernova scovata dai cittadini