Stelle ‘vintage’ per la Via Lattea

(ASI) – Sono una dozzina, classificate come tipologia ‘RR Lyrae’ e sono state osservate per la prima volta nel centro della Via Lattea. Si tratta di una ‘compagnia’ di stelle ‘agé’ che è stata scoperta utilizzando il telescopio all’infrarosso VISTA dell’ESO. A questi astri primordiali è stato dedicato l’articolo “VVV survey RR Lyrae in the nuclear bulge of the Milky Way and the formation of the galactic nuclei”, di prossima pubblicazione sulla rivista The Astrophysical Journal Letters. Gli astronomi hanno basato la loro ricerca su alcune osservazioni effettuate con VISTA (Visible and Infrared Survey Telescope for Astronomy), telescopio astronomico utilizzato per mappature nell’ottico e nel vicino infrarosso (foto in basso) che fa parte dell’Osservatorio ESO del Paranal in Cile.Le osservazioni rientrano nell’ambito della survey pubblica dell’ESO, designata con il nome ‘in codice’ di VVV (Variables in the Via Lactea with VISTA) e avviata nel 2010. Grazie alla luce infrarossa, che viene disturbata dalla polvere cosmica in misura minore rispetto alla luce visibile, gli studiosi hanno ottenuto una veduta particolarmente limpida dell’area centrale della Via Lattea e hanno individuato il gruppo di stelle antiche del tipo ‘RR Lyrae’ (foto in alto – credits: ESO/VVV Survey/D. Minniti).

Il telescopio VISTA (Credits: ESO) Questa categoria di astri si trova in genere negli ‘entourage’ stellari più vetusti, risalenti anche a oltre 10 miliardi di anni fa. Inoltre, le RR Lyrae sono stelle variabili in quanto la loro brillantezza oscilla in maniera regolare, e questa caratteristica rende possibile calcolare la loro distanza in base alle osservazioni dei cicli di crescita e decrescita e alle misurazioni della luminosità. Le RR Lyrae non sono facili da osservare perché sono spesso offuscate sia dalla luce di astri più giovani, sia dalla polvere. L’affollamento dell’area centrale della Via Lattea, infatti, ne ha reso difficile l’identificazione.La presenza di queste stelle nel cuore della galassia è di particolare rilievo per approfondire il processo di formazione del rigonfiamento centrale, argomento molto dibattuto e oggetto di due differenti teorie. Secondo la prima di esse, il turgore della Via Lattea sarebbe stato originato dalla fusione di antichi ammassi globulari, mentre la sua derivazione da un rapido accrescimento di gas è al centro dell’altro scenario. La presenza del gruppo di RR Lyrae al centro della nostra galassia quindi confermerebbe la prima ipotesi sulla formazione del suo rigonfiamento e schiude nuove prospettive di ricerca su analoghe strutture in realtà simili alla Via Lattea.

Stelle ‘vintage’ per la Via Lattea