Soggiorno marziano… alle Hawaii

(ASI) –

Conclusa l’avventura marziana … alle pendici del vulcano Mauna Loa. Tornano a casa con una valigia piena di dati utili e di ricordi in stile “The Martian” i Robinson Crusoe della missione NASA Hi-Seas, progetto che ha coinvolto sei ricercatori isolati nella grande cupola istallata alle Hawaii per simulare una permanenza prolungata sul pianeta rosso.L’esperimento, della durata di 12 mesi, è terminato alle 21 di ieri – ora italiana con l’uscita degli scienziati dalla “casa marziana”. I “coloni”, isolati dal mondo esterno, con cui comunicavano solo attraverso email con un ritardo di 20 minuti per simulare i reali tempi di trasmissione, hanno raccolto dati utili a testare la capacità di corpo e mente di adattarsi a condizioni estreme in vista di future spedizioni marziane.Come Matt Damon nella recente pellicola di Ridley Scott, i sei astronauti – sperimentatori e cavie allo stesso tempo – hanno studiato l’impiego di batteri utili a convertire le poche risorse aliene in sostanze nutritive per le piante necessarie alla sussistenza dell’uomo. La simulazione verrà replicata nel 2017 e nel 2018 con l’obiettivo di rendere sempre più realistico il sogno di colonizzare altri mondi in un futuro prossimo.

Soggiorno marziano… alle Hawaii
Soggiorno marziano… alle Hawaii