Sguardi “opposti” su Cerere

(ASI) –

Dawn, guida sicura intorno a Cerere. L’esploratore robotico dei record (la sonda NASA è stata la prima ad orbitare su due diversi corpi celesti, Vesta prima e Cerere poi) opta per il ripristino delle modalità standard: dopo aver segnalato un malfunzionamento a una delle quattro “ruote di reazione” – tecnicamente reaction wheels, i giroscopi che attraverso il controllo della velocità governano l’orientamento della navicella in condizioni di gravità zero e in assenza di attrito – Dawn è stata programmata per volare con una configurazione di crociera e utilizzare i propulsori a idrozina come “volante” per direzionare la marcia.Il team di missione ha appurato la natura del guasto il 24 aprile scorso mentre pianificava le manovre in vista di un’osservazione peculiare del pianeta nano Cerere fissata per il 29 aprile. In quell’occasione Dawn dovrà studiare il suo obiettivo da un’insolita posizione di opposizione, con lo “sguardo” elettronico posto tra il misterioso cratere Occator e il Sole. La prospettiva unica le consentirà di avere in primo piano le macchie brillanti che emergono al centro della struttura superficiale e analizzare nel dettaglio il materiale che le compone. L’appuntamento con Cerere sarà comunque rispettato poiché le manovre di orientamento, utili a direzionare correttamente la sonda, verranno effettuate, in modalità di volo safe, attraverso i propulsori a idrazina.Gli esperti erano da tempo preparati ad affrontare un simile inconveniente: nel suo viaggio, iniziato con il lancio nel 2007, Dawn ha già perduto l’uso di due dei quattro giroscopi di bordo, il primo nel 2010, l’altro nel 2012 mentre completava l’esplorazione dell’asteroide Vesta. L’intoppo dunque non ferma il cammino della sonda verso l’appuntamento del 29 con Cerere “opposto” né il proseguo della sua missione esplorativa.

Sguardi “opposti” su Cerere
Sguardi “opposti” su Cerere