Saturno ‘superstar’

(ASI) – Un sabato all’insegna dello spazio e della scienza: è così che si presenta il 1° luglio 2017, giorno in cui si terrà “Occhi su Saturno”, kermesse focalizzata sul sesto pianeta del Sistema Solare. Lanciata nel 2012, per celebrare i 300 anni dalla scomparsa dell’astronomo Gian Domenico Cassini – grande studioso di Saturno – e giunta alla sesta edizione, l’iniziativa si articolerà in numerosi eventi in tutta Italia ed è mirata al coinvolgimento di una vasta platea di pubblico per osservare il ‘gigante ad anelli’ e avvicinarsi in maniera accattivante al mondo dell’astronomia. Il 2017 è un anno cruciale per l’esplorazione del pianeta perché, a quasi 20 anni dal lancio, vedrà la conclusione della missione Cassini, nata dalla collaborazione tra NASA, ESA ed ASI e dedicata allo studio di Saturno e del suo sistema di satelliti naturali ed anelli. La sonda, infatti, si sta avvicinando al termine della sua vita operativa con il ‘tuffo’ nell’atmosfera del pianeta, previsto per il prossimo 15 settembre e definito ‘Grand Finale’. In orbita attorno a Saturno da ben 13 anni, Cassini ha prodotto una messe di dati e di immagini di fondamentale importanza per la comprensione di alcuni dei processi primari dell’evoluzione di un sistema planetario ed in particolare di quello che è il più complesso dei pianeti gassosi. Cassini (Credits: NASA) L’edizione 2017 di “Occhi su Saturno”, quindi, intende celebrare anche questa importante missione di esplorazione planetaria e, oltre alla serata di osservazione collettiva, coordinerà numerosi eventi e conferenze che si protrarranno per l’intera estate, accompagnando il viaggio di Cassini fino al ‘Grand Finale’. Tutte le informazioni sugli eventi e la località dove si svolgeranno sono disponibili sul sito ufficiale della manifestazione (cliccare qui). “Occhi su Saturno” è stata organizzata dall’Associazione Stellaria di Perinaldo, in collaborazione con l’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma e ha ricevuto il patrocinio dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, della Società Astronomica Italiana, dell’Agenzia Spaziale Italiana, dell’Unione Astrofili Italiani e dell’European Astrosky Network.

Saturno ‘superstar’