Prova di forza per Ariane 5

Terza missione del 2017 per Ariane 5, la numero 93 della sua carriera. A meno di un mese dall’ultimo lancio, il vettore europeo ha portato in orbita, lo scorso 2 giugno, due satelliti per le telecomunicazioni, ViaSat-2 e Eutelsat-172B, mettendo a segno un lancio dal peso record per la categoria. Il lift-off è avvenuto, come di consueto, dallo spazioporto ESA di Kourou in Guyana Francese quando in Italia era l’1:45 di notte; la missione ha avuto una durata complessiva di 41 minuti. Il primo ad essere rilasciato, dopo circa 29 minuti, è stato ViaSat-2 con una massa di lancio di 6418 chili, seguito da Eutelsat-172B, che vanta una massa da 3551 kg, posizionato circa 12 minuti dopo. La massa da record per questo lancio ammonta a 10865 chili di peso, che comprende anche gli adattatori di carico e le strutture di trasporto dei satelliti. ViaSat-2 fornirà servizi di connessione Internet a banda larga accessibili da terra, aria e mare. Il satellite, inoltre, garantirà un miglioramento del servizio sia per quanto riguarda la copertura del territorio che per la velocità di connessione. Eutelsat-172B, invece, è il primo satellite per le telecomunicazioni completamente elettrico costruito in Europa. Tra i suoi compiti, la fornitura di servizi di telecomunicazione e trasmissioni e il miglioramento delle connessioni a banda larga nell’Asia Pacifica. Il satellite è progettato per avere una vita operativa superiore a quindici anni. Avio partecipa alla costruzione di Ariane 5 con la fornitura dei motori a propulsione solida e della turbopompa ad ossigeno liquido.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Prova di forza per Ariane 5