Poker per Ariane

(ASI) – Conto alla rovescia per il debutto dei “fantastici quattro”. Il 17 novembre prossimo, quando in Italia saranno le 14:06, il vettore Ariane V lascerà lo spazioporto di Kourou, in Guyana Francese, per “consegnare” in orbita il poker di satelliti della costellazione Galileo, il sistema di navigazione per usi civili made in Europe. Sarà la prima volta di Galileo per il veterano Ariane, alla sua 88esima opportunità in carriera – i sette lanci precedenti sono stati effettuati con la Soyuz a gruppi di due – nonché il debutto di una modalità di volo a quattro.La missione, che porterà la flotta di “vigili” europei a quota 18 componenti su un totale di 24 operativi più 6 di riserva, sarà l’occasione per testare le prestazioni del vettore e del dispenser realizzato ad hoc per rilasciare a coppie di due i quattro satelliti nell’orbita MEOMedium Earth Orbitad un’altezza di 23.000 chilometri. Le operazioni di aggancio dell’orbita saranno completate circa 3 ore e 35 minuti dopo il lift off: successivamente i due gruppi si avvieranno verso le rispettive posizioni, che saranno raggiunte in 9 e 13 giorni.L’inedita sfida sarà gestire contemporaneamente i 4 payload. Dopo la separazione dal vettore, si entrerà nella fase critica, durante la quale ogni satellite dovrà aprire i propri pannelli solari e avviare le comunicazioni con il Centro di Controllo per essere guidato da remoto verso la destinazione finale. Sarà un duro lavoro per il team ESA/CNES (Agenzie spaziali Europea e Francese) che coordinerà le operazioni, ma l’esperienza consolidata, fatta di 14 voli portati a termine con successo, renderà più semplice pensare al completamento di una costellazione per la navigazione alternativa al GPS americano.

Poker per Ariane