NEOWISE a quota 693

(ASI) – La missione Near Earth Surveillance of Infrared Survey (NEOWISE), giunta al suo terzo anno di indagini, ha rilasciato gli ultimi dati raccolti riguardanti la scoperta di 97 oggetti celesti. Di questi, 28 si trovano nelle vicinanze della Terra, 64 sono asteroidi della fascia principale e 5 sono comete. Ad oggi, sono 693 gli oggetti scoperti dalla sonda e, in occasione del triennio di attività, il team della missione ha realizzato un’animazione che illustra le scoperte della sonda nel Sistema Solare. “NEOWISE non sta solo scoprendo asteroidi e comete – ha commentato Amy Mainzer, responsabile della missione – ma ci ha anche fornito dati di eccellente qualità su quelli già presenti nel nostro catalogo. La sonda si è dimostrata uno strumento ottimo per il perfezionamento delle tecniche di osservazione degli oggetti vicini alla Terra”. Nel corso dell’ultimo anno 10 oggetti scoperti da NEOWISE sono stati classificati come potenzialmente pericolosi per il nostro pianeta, in base alla loro dimensione e alle orbite. Durante il terzo anno di indagini la sonda ha processato circa 2,6 milioni di immagini ad infrarossi del cielo. Questi dati vengono poi combinati con quelli raccolti nei due anni precedenti in un archivio, che al momento vanta un set di 7,7 milioni di immagini e un database composto da oltre 57,7 miliardi di rilevazioni originate proprio da queste foto. Tra queste vi sono anche scatti di oggetti rari, come la cometa C / 2010 L5 WISE. Grazie a un nuovo modello che simula il comportamento dell’astro, è stato possibile osservare che quest’ultima ha sperimentato una piccola esplosione nella sua corsa attraverso il Sistema Solare interno. Questo fenomeno è piuttosto insolito e difficile da osservare e potrebbe essere stato causato da un aumento dell’attività cometaria. La tecnica sperimentata da NEOWISE identifica la dimensione e la quantità di particelle di polvere nelle vicinanze della cometa quando vengono espulse dal nucleo, rilevando la storia dell’attività dell’astro. Il modello potrebbe essere impiegato per realizzare indagini di tutto il cielo, rendendo possibile l’individuazione dei cambiamenti che hanno interessato C / 2010 L5 WISE in un numero sempre maggiore di comete.NEOWISE, in origine WISE, è stata lanciata nel 2009. Nel 2011 è entrata in stato di ibernazione dopo aver concluso la prima fase di attività scientifica. E’ stata poi riattivata nel 2013 e ribattezzata NEOWISE e le è stato assegnato un nuovo compito: la caratterizzazione della popolazione di oggetti vicini alla Terra potenzialmente pericolosi. Ora la sonda sta caratterizzando anche gli oggetti più distanti da noi, come asteroidi e comete per dare agli scienziati nuove informazioni sulla loro dimensione e composizione.

NEOWISE a quota 693