Missione JUICE, scelto il Radar Sounder

(ASI) –

Il sistema costituito da Giove e dalle sue lune – soprattutto quelle ghiacciate, vale a dire Ganimede, Callisto ed Europa – è il focus della missione JUICE (JUpiter ICy moon Explorer), che fa parte del programma Cosmic Vision 2015-2025 dell’ESA. Come archetipo dei ‘giganti’ del Sistema Solare, Giove e la sua ‘famiglia’ di satelliti naturali sono elementi chiave per comprendere la comparsa della vita.Esplorando le lune di Giove, tre delle quali si pensa abbiano degli oceani interni, sarà possibile, inoltre, capire meglio l’abitabilità dei mondi ghiacciati. JUICE, con lancio previsto nel 2022 e arrivo a destinazione nel 2029, eseguirà uno studio dettagliato di Giove e del suo sistema lunare, soffermandosi particolarmente su Ganimede, come corpo planetario e potenziale habitat. Gli studi su Europa e Callisto contribuiranno al ritratto completo di questi corpi celesti. La sonda avrà a bordo 10 strumenti, tra cui RIME (Radar Sounder for Icy Moons Exploration) il cui sviluppo è stato affidato dall’ASI a Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%). Thales Alenia Space in Italia, quindi, è responsabile dello sviluppo, realizzazione e test dello strumento, il cui apporto sarà fondamentale per il successo della missione grazie alla sua capacità di rilevare direttamente la struttura interna degli strati ghiacciati. Utilizzando un’antenna di 16 metri, realizzata da Space Tech GmbH per conto di Airbus Defence and Space, con una frequenza centrale di 9 MHz, RIME è in grado di penetrare fino a 9 km sotto la superfice ghiacciata con una risoluzione verticale fino a 30 metri nel ghiaccio, coprendo la struttura sottostante gli oceani di Ganimede, Callisto e Europa. Lo sviluppo del radar è stato finanziato dall’ASI e l’Università di Trento è responsabile degli aspetti scientifici. Rime include anche un contributo da parte della NASA. Per la sonda JUICE – che sarà alimentata da 97 metri quadrati di pannelli solari sviluppati da Leonardo – sono realizzati con il supporto dell’ASI e con il contributo tecnologico di Leonardo anche la camera ad alta risoluzione JANUS e lo spettrometro MAJIS, a dimostrazione dell’importante ruolo dell’Italia nella missione.

Missione JUICE, scelto il Radar Sounder
Missione JUICE, scelto il Radar Sounder