Marte in HD

La camera HiRISE a bordo della sonda NASA Mars Reconnaiscence Orbiter ha scattato una foto della superficie di Marte con una risoluzione senza precedenti.

Nell’immagine, processata dagli scienziati della University College London (UCL) è possibile vedere anche la zona in cui è stato ritrovato Beagle 2, il rover britannico atterrato nel 2003 su Marte senza lasciare traccia e poi individuato nel 2015 proprio grazie ai rilevamenti di MRO.

Per poter ottenere questi sorprendenti risultati gli scienziati si sono affidati alla tecnica Super-Resolution Restoration (SRR) che ha previsto la sovrapposizione di foto del sito di atterraggio di Beagle, quelle di letti di laghi scoperti da Curiosity, tracce del rover MER-A della NASA e sulle rocce Home Plate.

Questi scatti sono stati poi abbinati a quelli realizzati dall’orbita per poter ottenere una risoluzione fino a cinque volte maggiore di quanto realizzato in precedenza.

“Questa tecnica ci permetterà di migliorare la nostra conoscenza della superficie di un pianeta grazie a più immagini telerilevate – ha commentato Yu Tao, autore principale dello studio.

La qualità delle immagini ottenute attraverso l’utilizzo di SRR permettono di superare i limiti causati dall’ottica dei telescopi e dalla larghezza di banda utile alle comunicazioni con il nostro pianeta: per quanto potenti siano il loro limite di risoluzione è di circa 25 centimetri contro i 5 ottenuti dalla sovrapposizione di 4-8 immagini effettuata dal team dell’università inglese.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Marte in HD