La vita è una sorpresa

Anteprima del film Life, non oltrepassare il limite, ieri sera presso l’auditorium dell’Agenzia Spaziale Italiana. Ospite remoto in collegamento da Houston il protagonista della missione VITA, Paolo Nespoli, il quale si è augurato di essere lì, nello spazio, sulla Stazione Spaziale Internazionale, insieme ai protagonisti del film.

Appunto giustificato solo dal fatto che non avesse potuto vedere la pellicola in anteprima. La Stazione Spaziale è, nel film, teatro di una tragica vicenda horror, come preannunciato in sala dalla responsabile Marketing Director della Sony Pictures, Alessia Garulli, nel ringraziare l’ASI per la realizzazione dell’evento.

Il carico, infatti, di vita marziana tanto atteso dagli astronauti a bordo, si rivelerà decisamente ostile, nonostante avessero deciso di chiamarlo Kevin come il simpatico Minion.

Ma al di là del film, che sarà più correttamente la critica cinematografica a stabilirne il valore artistico, lo spunto del dibattito prima del film è stato la ricerca della vita al di fuori della terra e la vita terrestre nello spazio, con le molte implicazioni ad esse connesse. A parlarne, oltre Paolo nespoli, la responsabile dell’Osservazione dell’Universo Barbara Negri e il Responsabile del Volo Umano, Gabriele Mascetti, moderati da Andrea Zanini.

A porgere il saluto di ASI alla gremita platea dell’auditorium dell’ASI, il Direttore Generale Anna Sirica.

Prossimo appuntamento con il cinema in ASI, il 30 marzo, nell’ambito del ciclo spazio cinema in collaborazione con il Giornale dello Spettacolo. Si parlerà di ambiente e cambiamenti climatici con Wall-E. Non mancate

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La vita è una sorpresa