La scienza per tutti

(ASI) – La ricerca ASI sulla Stazione Spaziale Internazionale diventa di tutti. E’ stato rilasciato l’accesso al pubblico del database ISPARC per i risultati della sperimentazione italiana sulla ISS. L’obiettivo è quello di garantire la massima diffusione e l’accessibilità ai prodotti della ricerca italiana condotta a bordo della ISS. Per questo l’Agenzia Spaziale Italiana ha promosso, con il supporto industriale della Kayser Italia, la realizzazione del database ISPARC (ISS Publication ARChive), il quale raccoglie tutte le pubblicazioni scientifiche che hanno per oggetto i programmi di ricerca nell’ambito Human Spaceflight coordinati e finanziati dall’ASI. L’accesso ad ISPARC è ora pubblico. Utilizzando gli strumenti di navigazione del portale chiunque potrà accedere alle informazioni relative a payload, investigazioni, categorie di ricerca, pubblicazioni, eventi, elenco delle riviste che hanno pubblicato articoli. Ulteriori funzionalità (download di report, sottomissione di nuove pubblicazioni, vista personalizzata dei prossimi eventi per la disseminazione dei risultati) sono, inoltre, disponibili per gli utenti registrati. In questo modo l’ASI intende promuovere la diffusione delle conoscenze derivate dalla ricerca svolta a bordo della ISS anche tra il grande pubblico, oltre a valorizzare possibili sinergie e collaborazioni tra gruppi di ricerca in settori scientifici di interesse comune. La Stazione Spaziale Internazionale è un laboratorio orbitante unico nel suo genere che, a 400 Km di distanza dalla Terra, offre agli scienziati di tutto il mondo l’opportunità di sviluppare progetti di ricerca e di realizzare esperimenti in numerose discipline, nelle particolari condizioni ambientali spaziali. Grazie al contributo fondamentale fornito dal nostro Paese alla realizzazione della ISS, l’Agenzia Spaziale Italiana ha acquisito diritti di utilizzo di una quota delle risorse della Stazione Spaziale da destinare alla esecuzione di esperimenti. Tali diritti sono regolati dall’accordo Memorandum of Understanding (MoU) del 1997 tra l’ASI e la NASA. È in questo contesto che l’ASI, a partire dal 2001, ha sviluppato ed operato a bordo 31 payload e sponsorizzato oltre 70 esperimenti: un programma di utilizzo intenso, che ha prodotto un’incredibile mole di dati scientifici (dati digitali, fotografie, campioni biologici) e di risultati, in parte pubblicati su riviste scientifiche e presentati nel corso di congressi. ASI inoltre coordina la partecipazione italiana ai programmi di ricerca in microgravità e di volo umano dell’Agenzia Spaziale Europea; a oggi l’Italia è il secondo paese finanziatore dell’ESA in ambito Human Spaceflight.

La scienza per tutti