La roadmap delle eccellenze

Una roadmap per mettere a sinergia le eccellenze italiane che caratterizzano diverse aree territoriali del nostro paese, aprendo un colloquio tra ricerca e impresa, all’interno di un contesto di riferimento che è lo sviluppo delle tecnologie spaziali.

È questo l’ambito nel quale si è svolto il workshop dal titolo “Opportunità di sviluppo nel campo aerospaziale” presso la sala conferenze dell’Area Science Park promosso dall’Agenzia Spaziale Italiana e dall’Elettra Sincrotrone di Trieste.

“Lo spazio oggi è sempre più un’occasione di sviluppo economico – ha ricordato il presidente di ASI Roberto Battiston intervenendo al workshop. Esistono nuovi attori, provenienti da ambiti diversi dal settore spaziale, in particolare dal mondo del digitale, che hanno colto l’opportunità economica che rappresenta lo spazio per moltiplicare la loro offerta di applicazioni e servizi. Lo spazio del futuro sarà molto diverso: grazie alle nuove tecnologie e a investimenti mirati, i costi andranno via via diminuendo, spinti, ad esempio, dalla competitività del vettore VEGA e delle future versioni di Ariane 6 a valle delle decisioni prese dalla ministeriale europea dello spazio del 2014, o dai cubesat, i microsatelliti del futuro”.

“L’agenzia Spaziale Italiana – ha concluso Battiston – si è posto il compito di stimolare il sistema delle imprese HIGH TECH italiane, non solo quelle direttamente legate all’aerospazio, affinché gli investimenti spaziali si trasformino in opportunità di business. Molto ci attendiamo dalle nuove generazioni, capaci di generare idee di grande interesse, alle quali dobbiamo dare gli strumenti necessari perché possano renderle concrete”.

Un invito a creare condizioni di opportunità tra ricerca e impresa colta dall’Elettra Sincrotrone di Trieste: “Le attività di oggi realizzano una delle funzioni costitutive del nostro centro: quella di promuovere opportunità congiunte di ricerca e sviluppo, facendo da ponte fra il mondo della scienza e quello dell’industria”. Lo dice Alfonso Franciosi, Presidente e Amministratore Delegato di Elettra Sincrotrone Trieste, che continua.” Nell’ambito aerospaziale queste opportunità sono particolarmente importanti e promettono di ampliarsi significativamente nei prossimi anni, come dimostra la presenza dell’Agenzia Spaziale Italiana, dei rappresentanti di diverse istituzioni scientifiche, di numerose aziende nazionali e della Confindustria regionale all’incontro di questa mattina. Dalla micro e nanoelettronica allo sviluppo di nuovi materiali e all’analisi della materia in condizioni estreme, l’utilizzo delle tecnologie con luce di sincrotrone e dei laser a elettroni liberi sta già portando importanti risultati in molteplici campi vicini alla ricerca aerospaziale. Un terreno su cui, muovendoci insieme e unendo le nostre competenze, potremo ottenere risultati ancor più competitivi, con importanti ricadute regionali, nazionali e internazionali. Elettra Sincrotrone Trieste è pronta a fare la sua parte”.

Questo è il terzo appuntamento organizzato da ASI: all’appuntamento di Trieste ha preceduto l’Istituto Sant’Anna di Pisa e L-Foundry di Avezzano.

Al convegno hanno portato il proprio saluto, l’Assessore Regionale alla Ricerca e all’Università, Loredana Panariti e la vicepresidente della Confindustria friulana, Sonia Lussi, a testimonianza di un reale interesse perché, in un momento di ripresa economica, si inneschino sinergie capaci non solo di sviluppare le realtà presenti ma permettere la gemmazione di nuove e giovanili realtà imprenditoriali sul territorio del Friuli Venezia Giulia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La roadmap delle eccellenze