Juno, ecco la magnetosfera gioviana

(ASI) – Juno è ormai prossima alla sua meta. Lo scorso 24 giugno lo strumento Waves ha registrato il passaggio della sonda attraverso il bow shock del gigante gassoso, dove il vento solare supersonico deviato dalla magnetosfera viene riscaldato e rallentato.

L’ingresso nella magnetosfera di Giove è coinciso con la registrazione di onde elettromagnetiche rilevate in regioni a bassa densità nella magnetosfera esterna di Giove. I confini di queste ultime isolano le onde a frequenze più basse agendo come conduttori. La frequenza minima di queste onde sta ad indicare la densità della particelle presenti.

Gli scienziati ritengono ch, in base alla informazioni collezionate da Waves, la densità delle particelle sia pari a circa un elettrone per cento centimetri cubi, un decimo di quella del vento solare rilevata da Juno poco prima dell’ingresso nel bow shock. La concentrazione salirà di nuovo mano a mano che la sonda si avvicinerà al pianeta.

“Il bow shock è simile ad un boom sonico – ha commentato William Kurth del team di Waves – se la magnetosfera di Giove brillasse in luce visibile sarebbe grande il doppio della Luna piena vista dalla Terra e la coda che si estende verso l’esterno misurerebbe cinque volte la distanza Terra-Sole”.

Mancano quattro giorni alla manovra di inserimento orbitale e stiamo entrando nel clou della fase scientifica. I dati preliminari raccolti finora saranno utili per comprendere la formazione, struttura e composizione del campo magnetico del gigante del Sistema Solare.

Giove e le sue lune Io, Ganimede ed Europa immortalate da Juno il 28 giugno scorso, da una distanza di 6,2 milioni di chilometri

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Juno, ecco la magnetosfera gioviana