ISS 2017, ecco gli equipaggi

(ASI) – Ora è davvero ufficiale: sarà Paolo Nespoli il prossimo italiano a volare nello spazio. La notizia, di cui si parla già da quasi un anno, è stata appena confermata dalla NASA, che ha annunciato i nuovi equipaggi completi per le missioni Expedition 53/54.

Terzo viaggio per l’astronauta ESA, secondo di lunga durata, che questa volta lo vedrà soggiornare in orbita per circa cinque mesi.

“Stavo giusto cercando di capire cosa fare da grande” scherza Nespoli, che all’epoca della convocazione non era sicuro se continuare o meno la sua carriera spaziale. “Ma questa opportunità è arrivata in un momento interessante, perché tesorizza gli investimenti che sono stati fatti negli anni passati”.

Nespoli non sarà infatti l’unico veterano dello spazio. Insieme a lui parteciperanno a questa nuova missione anche Alexander Skvortsov e Fyodor Yurchikin dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, che già conoscono i segreti della Stazione Spaziale Internazionale. Primo volo invece per gli altri compagni di squadra: Ivan Vagner, sempre di Roscosmos, e Jack Fischer e Scott Tingle della NASA.

I sei astronauti costituiranno l’equipaggio di Expedition 53, la cui partenza è prevista a maggio dell’anno prossimo.

Annunciati anche i cosmonauti di Expedition 54 che nel novembre 2017 daranno il cambio a Nespoli, Yurchikin e Fischer: sono lo statunitense Randolph Bresnik, il russo Sergey Ryazansky e il giapponese Norishige Kanai.

Per loro è già cominciato l’addestramento, che come Paolo Nespoli sa bene è molto complesso: “I pezzi della stazione vengono costruiti in varie parti del mondo – racconta – e portano quindi gli astronauti a dover viaggiare molto per qualificarsi. Ma se da un lato può essere un po’ pesante, dall’altro lato è il bello di questo lavoro, e quando ho smesso di farlo mi è mancato”.

L’astronauta italiano è dunque pronto per la sua terza missione, frutto di un accordo fra NASA e ASI, dopo i viaggi dei suoi connazionali Luca Parmitano nel 2013 e Samantha Cristoforetti nel 2015.

E la partenza avverrà proprio nell’anno del decennale dalla sua prima missione, Esperia del 2007: Nespoli raggiunse la ISS a bordo dello Space Shuttle STS-120, restandovi per due settimane e contribuendo a installare il modulo Nodo-2 sulla stazione.

Risale invece a tre anni dopo la sua prima missione lunga: nel 2010 l’astronauta rimase sulla ISS per 160 giorni, nel corso della Expedition 26/27 che lo vide protagonista della missione MagISStra.

Come allora, potremo presto di nuovo seguire ogni sua mossa nello spazio: è stato infatti proprio Nespoli a dare il via alla moda “astro” che ha spopolato su Twitter. E così, dopo astro_luca e AstroSamantha, il web è pronto ad accogliere il grande ritorno di astro_paolo.

ISS 2017, ecco gli equipaggi