Immagini di Giove con il VLT

Nell’attesa dell’imminente arrivo di Juno (Giunone in italiano), sonda spaziale della NASA, alcuni astronomi hanno usato il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO per ottentere nuove, spettacolari immagini infrarosse di Giove, nell’ambito di una campagna che si prefigge di costruire mappe ad alta risoluzione del pianeta gigante.

Le nuove immagini fanno parte di una campagna coordinata, mirata a migliorare la nostra comprensione dell’atmosfera di Giove prima dell’arrivo del satellite Juno della NASA, nel luglio di quest’anno.

Sono coinvolti diversi telescopi in Hawaii e in Cile, insieme a molti astronomi amatoriali in tutto il mondo. Le mappe non rappresentano solo delle istantanee del pianeta ma rivelano anche come l’atmosfera del pianeta sia cambiata e si stia spostando nei mesi precedenti l’arrivo di Juno.

Il momento più complesso dell’arrivo sarà il JOI, acronimo per indicare il Jupiter Orbit Insertion. Per 35 minuti la sonda alimentata a energia solare accenderà il suo motore principale collocandosi in un’orbita polare, con un periodo di 11 giorni rispetto al pianeta gassoso.

Di lì JUNO inizierà il programma esplorativo. Sono previste 37 ‘incursioni’, flyby che lo porteranno più vicino a Giove di quanto abbia mai fatto qualsiasi altro veicolo spaziale, scenderà al di sotto della coltre di nubi, sì immergerà nella magnetosfera e nelle sue aurore polari. Ciò per consentire alla sonda di misurare l’abbondanza di acqua nell’atmosfera, di studiare il movimento dei fluidi, mappare i campi gravitazionale e magnetico del pianeta, indagare sulla sua struttura interna.

Una volta agganciato Giove, Juno avrà dunque un bel daffare: lo attendono 20 mesi di intensa attività scientifica e raccolta dati da compiere in 37 orbite servendosi di una suite composta da 9 strumenti principali. Il cuore di Juno sarà l’italianissimo JIRAM (Jovian InfraRed Auroral Mapper), finanziato dall’ASI, realizzato da Leonardo-Finmeccanica e operato sotto la responsabilità scientifica dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali (IAPS) dell’INAF.

Operante nel vicino infrarosso, lo spettrometro svolgerà indagini negli strati superiori dell’atmosfera gioviana, sarà in grado di rilevare l’eventuale presenza di metano, vapore acqueo,ammoniaca e fosfina e fornirà immagini delle aurore.

L’altro componente italiano di Juno è KaT (Ka-Band Translator)uno strumento di radioscienza realizzato dall’Università La Sapienza di Roma, realizzato da Thales Alenia Space Italia sempre con il supporto di ASI.

JUNO sarà però la prima sonda a volare sui poli e lo farà ruotando su stessa due volte al minuto, a mo’ di trottola spaziale. Tale modalità di navigazione da una parte garantirà maggiore stabilità al veicolo, dall’altra permetterà a ciascuno degli strumenti di bordo di godersi il panorama giovano ad ogni giro e all’evenienza, di assistere allo spettacolo delle sue straordinarie aurore.

Il risultato per un veicolo spaziale che entri in questo campo a forma di ciambella fatto di particelle ad alta energia è un incontro con l’ambiente più estremo del sistema solare. E’ stato calcolato che nel corso della vita della missione, JUNO sarà esposto all’equivalente di oltre 100 milioni di radiografie dentali.

La schermature della sonda e la particolare orbita a ovale schiacciato sono state studiate dal team proprio per ridurre al minimo l’esposizione alle radiazioni e permettere al veicolo di sopravvivere il più a lungo possibile all’inospitale ambiente giovano e quindi raccogliere quante più informazioni durante la missione, la cui durata nominale è di 20 mesi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Immagini di Giove con il VLT