GRAVITY al centro della galassia

GRAVITY è operativo ed è pronto a scrutare il centro della Via Lattea. Lo strumento installato sul Very Large Telescope (VLT) dell’ESO è funzionante con i quattro telescopi UT da 8,2 metri e permetterà di sondare i campi gravitazionali estremamente intensi vicino ai buchi neri supermassicci e verificare così la relatività generale di Einstein.

GRAVITY è parte dell’interferometro del VLT (VLTI). Combinando la luce dei quattro telescopi può raggiungere la stessa risoluzione spaziale e precisione nel misurare le posizioni di un telescopio di 130 metri di diametro.Il guadagno corrispondente di potere risolutivo e accuratezza posizionale – un fattore 15 rispetto ai telescopi individuali UT da 8,2 metri del VLT – permetterà allo strumento di fare misure straordinariamente accurate di varie classi di oggetti astronomici.

Uno dei primi compiti affidati allo strumento è esaminare le caratteristiche del buco nero da 4 milioni di masse solari situato al centro della Via Lattea in particolar modo quelle del suo campo gravitazionale.

A questo proposito già le prime osservazioni della stella S2 che orbita intorno al buco nero sono state molto positive dimostrando che la sensibilità dello strumento è elevata: è riuscito infatti a catturare l’astro dopo una manciata di minuti dall’inizio delle analisi.

Il team dello strumento sarà presto in grado di ottenere posizioni ultra-precise della stella in orbita. Ciò permetterà loro di determinare se il moto intorno al buco nero segue o meno le previsioni della relatività generale di Einstein e se le nuove osservazioni hanno trovato nel centro della Via Lattea il candidato ideale.

Nel 2018, S2 si troverà nel punto più vicino al buco nero, ad appena 17 ore-luce di distanza e viaggerà a circa 30 milioni di chilometri all’ora circa il 2,5% della velocità della luce. A questa distanza gli effetti dovuti alla relatività generale saranno più evidenti e le osservazioni di GRAVITY forniranno i risultati più rilevanti. Sarà un momento particolarmente importante per la comunità scientifica dato che questa occasione non si ripresenterà per i prossimi sedici anni.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

GRAVITY al centro della galassia