Giove si fa grande

Occhi puntanti al cielo. Il prossimo 7 aprile Giove andrà in opposizione al Sole, un evento che si verifica ogni tredici mesi.

Il gigante gassoso si troverà allineato con il Sole e il nostro pianeta, ponendosi alla minima distanza dalla Terra, circa 666 milioni di chilometri, apparendo relativamente più luminoso e più grande rispetto ad altri periodi dell’anno.

Pochi giorni dopo, Giove apparirà in cielo vicino alla Luna piena, e sembrerà essere più brillante delle stelle. Un buon binocolo sarà sufficiente per osservare il pianeta con i suoi quattro satelliti principali: Io, Europa, Ganimede e Callisto.

Osservare il sistema in giorni e tempi diversi permetterà agli astronomi di studiare gli spostamenti delle lune.

In attesa dell’evento, l’astronomo Damian Peach ha immortalato il gigante gassoso in uno scatto suggestivo (foto in apertura), lo scorso 25 febbraio, in cui è possibile osservare la ‘Grande Macchia rossa’– una vasta tempesta anticiclonica che dura da almeno 300 anni, la più grande del sistema solare e visibile dalla Terra anche con telescopi amatoriali – e il giovane ‘Ovale BA”, in basso a destra, una piccola tempesta attualmente di colore rosso.

L’immagine evidenzia anche le bande chiare e scure che caratterizzano l’atmosfera di Giove, ovvero nubi di ammoniaca spinte da venti fortissimi, che, causando attrito tra le diverse bande, provocano dei vortici come la Grande Macchia rossa.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giove si fa grande