Espansione della ISS in vista?

Mentre sul fronte dei trasporti da e per l’orbita bassa la NASA sta valutando di acquistare qualche passaggio dalla Russia a bordo della Soyuz, un futuro accordo con la Bigelow Aerospace potrebbe andare a modificare direttamente l’attuale assetto della ‘casa’ degli astronauti nello spazio.

La Stazione Spaziale Internazionale ha infatti provvisoriamente una ‘stanza’ in più grazie al progetto BEAM, il Bigelow Expandable Activity Module sviluppato dalla startup di tecnologie spaziali americana.

Trasportato lo scorso 8 aprile dalla capsula Dragon di Space X e attraccato con successo alla Stazione grazie all’intervento del braccio robotico Canadarm2, il nuovo modulo ‘espandibile’ è stato sistemato nel Tranquility Node della ISS.

Ed è qui che si è trasformato in una stanza, temporaneamente abitabile dagli inquilini della Stazione Spaziale Internazionale.

Ma, secondo la Bigelow, le prime performance di BEAM sono state così soddisfacenti da far pensare a una possibile evoluzione del modulo in qualcosa di più definitivo, adatto a entrare in modo permanente nell’architettura della ISS.

L’impresa statunitense lo ha fatto per ora sapere attraverso un tweet (a destra), che menziona un accordo tra NASA e Bigelow Aerospace per “evolvere BEAM in modo da diventare una struttura da tutti i giorni a bordo della Stazione”.

I dettagli di questo futuro accordo non sono però stati resi noti e l’agenzia spaziale americana non si è ancora sbilanciata.

“BEAM ci sta offrendo dati importanti – ha commentato Cheryl Warner, portavoce della NASA, rispetto a come i materiali e le strutture espandibili si comportano nell’ambiente spaziale. Stiamo discutendo con Bigelow Aerospace per valutare i prossimi passi del modulo.”

Il tempo di missione inizialmente previsto per BEAM era di due anni, durante I quali il modulo dovrebbe essere abitato dagli astronauti della ISS solo per brevi periodi di tempo.

Se confermata, la nuova ‘espansione’ della ISS con il prolungamento delle funzioni del modulo Bigelow potrebbe fornire importanti indizi per capire come sfruttare al meglio questa tecnologia in vista dei futuri viaggi nello spazio profondo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Espansione della ISS in vista?