Colline marziane a tutto tondo

Un girotondo marziano realizzato con gli “occhi” di un robottino curioso, di nome e di fatto. Porta la firma del rover NASA Curiosity, missione di esplorazione del pianeta Marte sbarcata sul suolo alieno il 6 agosto 2012, la street view a tutto tondo che svela altopiani e colline rocciose in corrispondenza del sito Murray Buttes.

La regione, battezzata così in onore dello scienziato del California Institute of Technology Bruce Murray che attraverso il coordinamento del NASA JPL aveva curato il progetto Curiosity, è divenuta obiettivo del rover nel corso della sua discesa del Monte Sharp. Attraverso la composizione di un mosaico di immagini formato da decine di scatti effettuati con la Mastcam, è stata messa a punto una panoramica a 360 gradi in cui emergono profili che ricordano la forma del Sudovest degli Stati Uniti. Le rocce che ricoprono tali strutture collinari sono sufficientemente resistenti all’erosione del vento, contribuendo a preservare l’aspetto originario, modificato nel tempo dall’azione degli agenti atmosferici.

La missione primaria di Curiosity di reperire ed esaminare tracce di un ambiente potenzialmente compatibile con la vita è già stata completata. Nella sua estensione, il rover sta percorrendo le pendici del Monte Sharp esaminando strutture relativamente giovani con l’obiettivo di comprendere come mai un bacino di acqua dolce, dove potrebbero essersi sviluppati microrganismi in un passato remoto, si sia trasformato in una zona arida e meno favorevole alla nascita della vita.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Colline marziane a tutto tondo