‘Bis’ di lune per Cassini

(ASI) – L’album fotografico della grande famiglia del gigante ad anelli’ si arricchisce di un nuovo ritratto: a presentarsi alla fotocamera della sonda Cassini sono state due delle numerose lune che popolano il sistema di Saturno, Giano e Mimas. I due satelliti sono stati colti mentre orbitano intorno al pianeta, di cui si intravedono gli anelli. Giano, individuato solo nel 1966, è il piccolo corpo celeste dalla superficie irregolare che si vede al centro della foto, mentre sulla destra si staglia il più grande e tondeggiante Mimas, la cui scoperta si deve a William Herschel nel 1789. Un particolare accomuna i due corpi celesti in questo ritratto: le condizioni di illuminazione, dato che ambedue i satelliti presentano un lato esposto alla luce. La linea che marca la separazione tra ‘giorno’ e ‘notte’ è però differente per Giano e Mimas ed è emblematica delle caratteristiche della loro superficie. Il confine tra buio e luce appare frastagliato su Giano, a causa del suo ‘look asimmetrico’, mentre si presenta armonioso sul volto sferico di Mimas. Al momento dello scatto, la sonda si trovava ad una distanza di circa 963mila chilometri da Giano e di poco più di un milione di chilometri da Mimas. Cassini, la sonda che vanta un forte contributo italiano e che è stata realizzata in collaborazione tra NASA, ESA e ASI, ha come principale obiettivo scientifico lo studio di Saturno e del suo sistema di satelliti ed anelli con particolare riguardo alla luna Titano.

‘Bis’ di lune per Cassini