Aggiungi un posto a Soyuz

(ASI) – Ci sono alcune poltrone vacanti sulla capsula russa Soyuz, l’unico ‘taxi spaziale’ da e per la Stazione Spaziale Internazionale dal pensionamento del Programma Space Shuttle nel 2011.

Questi posti, liberati da un piano di riduzione degli equipaggi russi, potrebbero ora essere acquistati dalla NASA attraverso un accordo con l’azienda Boeing.

L’agenzia spaziale statunitense ha infatti espresso interesse in un totale di cinque sedili sulla Soyuz: due nelle missioni sulla ISS previste nell’autunno 2017 e nella primavera 2018, e altri tre nel 2019.

Questa mossa, oltre ad aumentare la forza degli equipaggi statunitensi, potrebbe anche avere il vantaggio di tutelare la NASA da possibili ulteriori ritardi dei voli commerciali.

Ma quanto può costare un posto sull’unico traghettatore spaziale per l’orbita bassa? Stando a un precedente accordo del 2015 tra l’agenzia spaziale americana e quella russa, la cifra per un posto sulla Soyuz potrebbe aggirarsi intorno agli 82 milioni di dollari.

I termini dell’eventuale nuovo contratto sono però ancora tutti da confermare, anche perché questa volta c’è un elemento in più: la NASA acquisterebbe infatti i posti tramite Boeing, che a sua volta li otterrebbe da Roscosmos come parte di una contrattazione con l’azienda produttrice della Soyuz, RSC Energia.

Le due compagnie sono coinvolte in una disputa legale a proposito dell’utilizzo della piattaforma Sea Launch, ed Energia dovrebbe rimborsare a Boeing oltre 320 milioni di dollari.

Da qui il possibile accordo, i cui dettagli rimangono comunque confidenziali, come ha affermato il vice presidente di Boeing John Elbon.

L’offerta alla NASA dei cinque posti sulla Soyuz sarebbe successivamente partita dalla stessa azienda Boeing in modo spontaneo.

“Hanno manifestato un certo interesse – commenta Elbon – e quindi andremo avanti per capire se esistono i termini per raggiungere un accordo”.

Aggiungi un posto a Soyuz