A caccia di esopianeti

Dove si nascondono gli esopianeti? La risposta potrebbe venire da un gruppo formato da otto appassionati di astronomia che ha partecipato al programma Disk Detective della NASA, con l’obiettivo di trovare nuovi mondi al di là del nostro Sistema Solare.

Il progetto appartiene alla citizen science che comprende una serie di attività scientifiche svolte da cittadini comuni lontani dai luoghi ufficiali della ricerca. In uno studio pubblicato sull’Astrophysical Journal Letter, gli aspiranti “cacciatori di esopianeti” hanno scoperto una nana rossa denominata AWI0005x3 e hanno osservato il disco stellare caldo che la circonda, solitamente associato con la presenza di giovani sistemi planetari.

La stella e il suo disco si trovano nelle vicinanze del gruppo della Carena: un ammasso di stelle molto simili tra loro situate nell‘omonima nebulosa a circa 212 anni luce da noi. La sua relativa vicinanza alla Terra la rende una candidata ideale per studi di questo genere. “Molti dei dischi stellari di questo tipo svaniscono in meno di 30 milioni di anni – sottolinea Steven Siedelberg, studente dell’Oklahoma University e autore principale dello studio – AWI0005x3 è il più antico sistema di nana rossa dotato di disco mai visto in un gruppo di stelle”.Da gennaio 2014, data di lancio del sito web di Disk Detective, circa 30.000 appassionati di scienza hanno messo appunto quasi 2 milioni di classificazioni di oggetti stellari utilizzando i dati raccolti dalle missioni WISE (Wide-field Infrared Survey Explorer mission) e Two-Micron All Sky Survey.”Senza l’aiuto di questo gruppo di persone forse non avremmo mai individuato questo oggetto – commenta Marc Kuchner, astrofisico del NASA Goddard Center a capo del Disk Detective – la missione WISE ci ha aiutato a individuare circa 747 milioni di oggetti dei quali solo poche migliaia possono essere classificati come dischi circumstellari”.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A caccia di esopianeti