51 anni di Luna

(ASI) – Nell’era della ‘riconquista’ della Luna, con la Cina in prima linea per tornare a raccogliere campioni direttamente sul suolo del nostro satellite, non mancano le occasioni per ricordare tutto ciò che è già stato fatto in termini di esplorazione lunare.

Oggi è la volta di Luna 9, l’impresa russa arrivata al suo cinquantunesimo anniversario: il 3 febbraio 1966 l’allora Unione Sovietica riusciva a far arrivare la prima sonda sul nostro satellite con un atterraggio morbido.

Questo traguardo dimostrò che la Luna poteva effettivamente reggere il peso di una capsula spaziale – 99 chili, in questo caso – e fornì le prime immagini ravvicinate del nostro satellite.

Dopo il touchdown, il modulo russo si aprì come un fiore che sbocciava, liberando così la sonda che con antenna e telecamera iniziò a immortalare il paesaggio lunare.

Ma Luna 9 non fu solo il primo ‘occhio’ che l’uomo inviò sul nostro satellite. Fu anche la prima sonda in assoluto a compiere un atterraggio su un corpo celeste extraterrestre.

La missione ha permesso l’invio sulla Terra di sette sessioni di riprese per un totale di 8 ore e 5 minuti, che una volta elaborate hanno prodotto una vista panoramica del sito di allunaggio.

Tre anni dopo, nel 1969, Neil Armstrong e Buzz Aldrin mettevano per la prima volta piede sul suolo lunare, compiendo il famosissimo “piccolo passo per l’uomo, ma grande balzo per l’umanità”

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

51 anni di Luna