Zingales: “Contro austerity battaglia persa, se Europa è questa meglio uscire”

Parla l'economista della University of Chicago

Se da un lato il presidente della Bce Mario Draghi – in audizione al Parlamento europeo – ha difeso le politiche di austerity attaccando a testa bassa quei paesi che chiedono flessibilità ma non tagliano la spesa, dall’altro persino alcuni ortodossi della scuola di Chicago, i cosiddetti ‘Chicago Boys’, inziano a porre il problema in termini diversi. E’ il caso di Luigi Zingales, economista della University of Chicago a suo tempo convocato da Oscar Giannino per il suo movimento ‘Fare per evitare il declino’ in un intervista a La repubblica ha posto l’accento, come molti prima di lui, sull’architettura dell’Unione Europea.

“Il problema non è qualche punto decimale di flessibilità, ma la vera struttura dell’unione monetaria – esordisce Zingales -, senza una politica fiscale comune l’euro non è sostenibile: o si accetta questo principio o tanto vale sedersi intorno a un tavolo e dire: bene, cominciamo le pratiche di divorzio. Consensuale, per carità, perché unilaterale costerebbe troppo, soprattutto a noi”.

UNA BATTAGLIA POLITICA – “Ciò che dovrebbero fare i paesi nella situazione dell’Italia – prosegue l’economista – è smetterla di elemosinare decimali da spendere a scopi elettorali rendendosi poco credibili. Dovrebbero invece iniziare una battaglia politica a livello europeo. Dire chiaramente che alle condizioni attuali l’euro è insostenibile. O introduciamo una politica fiscale comune che aiuti i paesi in difficoltà o dobbiamo recuperare la nostra flessibilità di cambio. Tertium non datur. Il rischio per gli italiani è quello di finire come la rana in pentola: se la temperatura aumenta lentamente non ha la forza per saltare fuori e finisce bollita. Il nostro Paese non cresce da vent’anni. Quanto ancora possiamo andare avanti? Certo, la battaglia per completare l’unione monetaria o scioglierla è tremendamente difficile”.

GLI INTERESSI TEDESCHI – Zingales non nasconde che la Germania insista sull’austerità coatta anche e soprattutto per interessi propri: “Le conviene che questa situazione continui all’infinito. È difficile che qualcuno cambi idea se non gli conviene, a meno che non sia costretto a farlo. I tedeschi temono di pagare il conto delle spese altrui e su questo non hanno tutti i torti. Per questo è necessaria una politica fiscale comune che non sia un semplice trasferimento dal Nord al Sud, ma un meccanismo bilanciato di aiuto reciproco nei momenti di difficoltà. Il ministro Padoan ha fatto bene a lanciare la proposta di un’assicurazione europea sulla disoccupazione: purtroppo questo non sembra essere il tema centrale della politica europea dell’Italia”.

Leggi anche:
Da Brexit a Quitaly: “Italia la prossima a lasciare l’Ue”
Tasse al 17%, Pil e investimenti in crescita. La Gran Bretagna post Brexit vola
Deutsche Bank, una bomba a orologeria sul sistema bancario europeo

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Zingales: “Contro austerity battaglia persa, se Europa è questa...