Una giornata al mare quest’anno ci costerà 57 euro

Federconsumatori ha stimato un aumento dell'1% tra ombrellone, sdraio, cabina e accesso allo stabilimento

L’estate è appena iniziata e già si parla di “caro spiaggia“: chi ha scelto il mare per le sue vacanze, infatti, dovrà fare i conti con l’aumento dei prezzi. Un aumento che, secondo i dati raccolti da Federconsumatori, sarà dell’1% rispetto all’estate passata e riguarderà l’affitto di cabine e lettini, ma anche gli abbonamenti stagionali.

Nel dettaglio, trascorrere una giornata in spiaggia costerà in media 11 euro per l’affitto dell’ombrellone e 5 euro per la sdraio; più costosi il lettino, che raggiunge i 15 euro (rispetto ai 14 del 2017), e la cabina, che da 17 euro passerà a 18. Anche l’accesso agli stabilimenti peserà un po’ di più sulle tasche degli italiani: se lo scorso anno si spendevano in media 7.60 euro, quest’anno si toccano gli 8.

Chi opterà per gli abbonamenti potrà risparmiare con il mensile, che scende di 10 euro rispetto al 2017: per un ombrellone, un lettino e una sdraio, quest’estate si spenderanno 575 euro. E se il giornaliero rimane uguale (24 euro in media), aumenta invece del 5% l’abbonamento stagionale: trascorrere l’intera estate al mare significa spendere, di spiaggia, 1368 euro (contro i 1306 della passata stagione).

Tuttavia, gli italiani paiono non farsi scoraggiare dagli aumenti: secondo una ricerca dell’O.N.F. (Osservatorio Nazionale Federconsumatori), 1 italiano su 3 opterà comunque per le spiagge attrezzate, e 1 su 6 dichiara ancora di preferire il classico stabilimento balneare. Del resto, gli stabilimenti offrono ormai tutta una serie di servizi che vanno oltre il noleggio di ombrelloni e lettini, il bar e i pedalò: dal wi-fi gratuito alla nursery, dai libri in prestito alle vasche idromassaggio, dai giochi da tavolo agli sport in spiaggia e alla presenza di dog sitter e aree attrezzate per i cani, i bagni di tutta Italia fanno a gara per offrire servizi sempre più accattivanti (c’è persino chi offre un consulente per l’abbronzatura!).

Inoltre, i gestori degli stabilimenti balneari vanno incontro ai turisti con promozioni speciali. Ombrelloni condivisi tra più famiglie, pranzo abbinato all’ingresso giornaliero, cabina “condominiale” (per più nuclei familiari), sconti per chi arriva in pullman oppure in treno, o per chi prenota su Internet: se il caro vita incide sui prezzi, dunque, ecco che arrivano in soccorso i singoli gestori.

Una giornata al mare quest’anno ci costerà 57 euro