Superbonus 110%, come effettuare i lavori gratis con Unicredit

Unicredit è stata tra le primissime banche in Italia ad aver predisposto dei piani finanziari ad hoc per le famiglie che intendono beneficiare del superbonus 110% per le ristrutturazioni edilizie

Assieme a Intesa Sanpaolo, Unicredit è stata tra le primissime banche a predisporre piani finanziari ad hoc per i privati che intendono sfruttare al massimo il Superbonus 110% (qui trovate l’elenco dei documenti da presentare in Comune) per le ristrutturazioni edilizie con risparmio energetico. Unicredit riesce a garantire una copertura finanziaria che può arrivare fino all’intero importo dei lavori.

I soggetti interessati possono richiedere una apertura di credito per anticipo contratti-fatture della durata massima di 18 mesi, mediante accensione di un conto corrente a termine dedicato all’iniziativa, senza costi fissi fino a 30 operazioni.

La linea di credito dovrà essere utilizzata per pagare gli interventi che danno diritto ai benefici fiscali e nel limite massimo dell’importo del credito fiscale ceduto. Le somme derivanti dalla cessione del credito fiscale dovranno essere utilizzate per rimborsare la linea di credito concessa.

Unicredit mette a disposizione queste soluzioni:

  • acquisto crediti fiscali
  • apertura di credito a scadenza per anticipo contratti / fatture

Come funziona l’acquisto dei crediti fiscali con Unicredit

Il beneficiario si impegna a cedere a Unicredit i futuri crediti fiscali che matureranno in seguito alla realizzazione dei lavori previsti dalla legge e a destinare i proventi derivanti dalla cessione dei crediti diventati certi liquidi ed esigibili sul proprio conto corrente acceso presso la banca a estinzione o riduzione del finanziamento concesso.

La normativa prevede che i crediti fiscali possano maturare ad un primo Stato di Avanzamento Lavori (SAL) pari a minimo il 30% dei lavori ed un secondo SAL pari ad almeno il 60% dei lavori mediante produzione documentale idonea (fatture, certificazioni, asseverazioni, ecc.).

Ecco i prezzi di acquisto validi fino al 30 settembre:

  • prezzo di acquisto crediti fiscali per persone fisiche e condomini: 102 euro per ogni 110 euro di credito fiscale acquistato
  • prezzo di acquisto crediti fiscali per imprese riferiti al Superbonus: 100 euro per ogni 110 euro di credito fiscale acquistato
  • prezzo di acquisto crediti fiscali non riferiti al Superbonus 110% (che cioè danno luogo a misure di detrazione diverse come sopra indicate): 78 euro per ogni 100 euro di credito fiscale acquistato.

Ecco un esempio:

  • 1/9 sottoscrizione impegno a cedere i futuri crediti fiscali alla banca, che si impegna ad acquistarli;
  • 30/11 maturazione e cessione dei crediti fiscali sorti a seguito di asseverazione che certifica il raggiungimento di
    almeno il 30% dei lavori, con acquisto da parte della Banca e versamento del relativo controvalore sul conto
    corrente dedicato del cliente presso la banca
  • 15/1 maturazione e cessione dei crediti fiscali derivanti dal raggiungimento del 60% di lavori con acquisto da parte
    della Banca e versamento del relativo controvalore sul conto corrente dedicato del cliente presso la banca
  • 1/3 maturazione e cessione dei crediti fiscali residui a fine lavori, a seguito di avvenuta validazione del rispetto di tutti i requisiti previsti dalla normativa, con acquisto da parte della Banca e versamento del relativo controvalore sul
    conto corrente dedicato del cliente presso la banca.

La banca potrà finanziare i lavori connessi alle agevolazioni fiscali in oggetto alle imprese, ai condomìni e alle persone fisiche che ne facessero richiesta con analisi di merito creditizio indipendente dall’impegno del cliente alla futura cessione dei crediti fiscali, attraverso i seguenti prodotti dedicati:

  • condomìni: anticipo contratti/fatture a scadenza per accompagnare il condomìnio fino alla conclusione dei lavori
  • imprese: anticipo contratti/fatture a scadenza per accompagnare l’impresa fino alla conclusione dei lavori
  • persone fisiche: anticipo contratti/fatture a scadenza per accompagnare la persona fisica fino alla conclusione dei lavori.

Come funziona l’apertura di credito per anticipo contratti/fatture con Unicredit

L’apertura di credito per anticipo contratti/fatture è il contratto con il quale Unicredit concede a un’impresa o a un condominio o ad una persona fisica un affidamento, da utilizzarsi nella specifica forma tecnica pattuita (es. apertura di credito).

L’affidamento può essere concesso per un periodo di tempo determinato (a scadenza), e avere carattere rotativo in quanto il cliente può utilizzare in più volte il credito concesso e con successivi versamenti può ripristinare la disponibilità per ulteriori utilizzi. L’affidamento concesso in forma di anticipo contratti/fatture permette al cliente l’utilizzo di somme per importo pari ad una percentuale degli stessi.

Ecco come funziona l’apertura di credito a scadenza per anticipo contratti/fatture:

  • l’impresa, il condominio e le persone fisiche possono richiedere una apertura di credito per anticipo contratti/fatture della durata massima di 18 mesi, mediante accensione di un conto corrente a termine dedicato all’iniziativa, senza costi fissi fino a 30 operazioni
  • la linea di credito sarà utilizzata per pagare gli interventi che danno diritto ai benefici fiscali e nel limite massimo dell’importo del credito fiscale ceduto. Le somme derivanti dalla cessione del credito fiscale dovranno essere utilizzate per rimborsare la linea di credito concessa
  • la percentuale anticipabile sui contratti/fatture è:
    – per le Imprese fino al 60% della cessione del credito fiscale
    – per i Condomìni fino al 100% della cessione del credito fiscale
    – per le Persone fisiche fino al 100% della cessione del credito fiscale.

Tutte le info le trovate qui.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Superbonus 110%, come effettuare i lavori gratis con Unicredit