Stangata Rc, rincari in vista per lo stop alla sospensione sulle assicurazioni: di quanto

A rischio la sospensione dell'assicurazione per i veicoli fermi e in arrivo rincari sulla Rc moto

Tempi duri all’orizzonte per il pagamento dell’assicurazione di auto e moto. Con l’arrivo della brutta stagione la maggior parte dei motociclisti è costretta a lasciare in garage le amate due ruote, ma se oggi possono sfruttare la sospensione della Rc, presto potrebbero dire addio alla clausola che gli permette di risparmiare diversi soldi. Si tratta di circa tre milioni di italiani che dovranno far fronte a un aumento annuo dell’assicurazione fino all’84%.

Stangata Rc, rincari in vista per lo stop alla sospensione sulle assicurazioni: le stime

È la stima calcolata dal portale di assicurazioni online Segugio.it. Secondo l’analisi sarebbe infatti il 42% la quota di italiani che, su un parco moto di 7 milioni di mezzi, scelgono di pagare di più per avere l’opzione della sospensione della polizza.

La clausola potrebbe però sparire a seguito di una direttiva dell’Ue, alla quale l’Italia dovrebbe adeguarsi entro 24 mesi dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale, in particolare un emendamento approvato dal Parlamento europeo che stabilisce come l’obbligo assicurativo dovrà essere valido, e quindi si dovrà pagare la Rc, anche quando il veicolo viene custodito in un’area privata e non viene utilizzato sul suolo pubblico.

Oggi la sospensione riduce il costo annuale effettivo della Rc, per motociclisti che hanno sottoscritto questo tipo di polizza, dai 223 euro medi in sede di firma dell’assicurazione ai 167,4 euro se il mezzo rimane fermo tre mesi e 111,6 euro se non viene utilizzato per sei.

Tolta la clausola gli assicurati saranno costretti a pagare il prezzo pieno della polizza “non sospendibile”, cioè in media 205,6 euro: il 23% in più nel primo caso e l’84% in più per la sospensione su metà anno (qui avevamo parlato dei premi assicurativi in calo).

Stangata Rc, rincari in vista per lo stop alla sospensione sulle assicurazioni: chi ne risentirà di più

Secondo la ricerca effettuata dal portale sarebbero soprattuto al Sud ad avvertire gli effetti sul portafoglio dell’eliminazione della sospensione, che viene preferita più di tutti in Calabria dove è presente nel 58,3% delle polizze, quasi come in Campania (58%) e in Puglia (55,1%).

In fondo a questa particolare classifica le regioni del Nord, con il Trentino-Alto Adige che presenta il 37,3% di Rc con la clausola, il Friuli-Venezia Giulia con il 36% e ultima la Lombardia 33,4%.

Numeri che spiegherebbero la scelta degli assicurati di questa opzione, grazie alla possibilità di recuperare i mesi in cui non si usa il proprio veicolo a due ruote sulla durata annuale della polizza (qui avevamo parlato dei siti truffa delle assicurazioni auto).

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stangata Rc, rincari in vista per lo stop alla sospensione sulle assic...