Smart working e bonus Pc: come funziona e a chi spetta

La circolare dell'Agenzia delle Entrate permette di richiedere il bonus adeguamento degli ambienti di lavoro anche per acquistare pc o software specifici

Uno degli effetti del coronavirus è stata la vera e propria esplosione, più per necessità che per virtù, dello smart working. Lavorare da casa però comporta dei problemi per il lavoratore e per l’azienda, soprattutto se deve usare un pc personale. Ed è proprio per questa ragione che, come spiega la circolare 20/E pubblicata in questi giorni dall’Agenzia delle Entrate, è possibile richiedere il bonus adeguamento degli ambienti di lavoro per coprire le spese di computer o software specifici.

Bonus Pc: come funziona e come averlo

La circolare dell’Agenzia delle Entrate affronta i temi dell’innovazione e dello sviluppo, pilastri dello smart working. Ecco allora che nell’agevolazione sono previsti:

  • software;
  • sistemi di videoconferenza;
  • sistemi per la sicurezza della connessione;
  • investimenti per consentire lo smart working da remoto.

Ed è proprio l’ultimo punto ad aprire la strada all’acquisto del pc, strumento fondamentale per consentire il lavoro a distanza. Il bonus adeguamento è previsto dal decreto Rilancio e ammonta al 60% con un limite di 80 mila euro di credito d’imposta a richiedente. Si potrà chiedere per tutti i costi sostenuti nel 2020, anche prima dell’entrata in vigore del decreto (ossia, il 19 maggio 2020).

Bonus adeguamento, a chi spetta

La circolare dell’Agenzia delle Entrate spiega quali siano le tipologie di attività che permettono di usufruire del credito d’imposta del 60% per gli interventi di adeguamento e per gli investimenti innovativi. Potranno richiederlo gli operatori esercenti attività aperte al pubblico, associazioni, fondazioni ed enti del Terzo settore. Non c’è nessuna distinzione sul regime fiscale adottato: rientrano anche i forfettari, i contribuenti in regime dei minimi, gli imprenditori e le imprese agricole, a prescindere dalle modalità di determinazione del reddito.

Bonus Didattica per acquistare un computer

Ma un computer (o un tablet) probabilmente si potrà acquistare anche grazie al bonus Didattica, che dovrebbe prevedere un importo di 500 euro a famiglia per l’acquisto di dispositivi elettronici. Il bonus è nel Piano Nazionale di Riforma (PNR), l’obiettivo è ovviamente favorire la didattica a distanza. Qualora venisse confermato, comunque, non sarebbe accessibile a tutti: il bacino di riferimento consisterebbe nelle famiglie con Isee sotto ai 20 mila euro. Per quelle sopra ai 20 mila euro, invece, potrebbero esserci 200 euro per l’acquisto di connessioni Internet veloci.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Smart working e bonus Pc: come funziona e a chi spetta