Rincari benzina, quanto sono aumentati i prezzi del carburante durante la pandemia

La pandemia non ha bloccato l'aumento dei prezzi della benzina, così - mentre l'Italia si fermava di nuovo - negli ultimi mesi il prezzo del carburante è salito ancora

Rincari benzina e aumento dei costi (anche) durante la pandemia: così, mentre l’Italia si fermava – di nuovo – con il secondo lockdown localizzato e l’introduzione dei colori per ogni regione, in tutto il Paese il prezzo del carburante è salito ancora.

Lo confermano i dati riportati dall’analisi condotta dal Ministero dello Sviluppo Economico, dai quali emerge una nuova impennata dei prezzi dei carburanti, attestandosi a quasi 1,50 euro al litro per la benzina e a circa 1,38 euro per il gasolio.

Rincari benzina e aumento prezzo carburanti: le tabelle del Mise

Le tabelle pubblicate sul sito del Mise si riferiscono agli ultimi tre mesi, ovvero: novembre 2020, dicembre 2020 e gennaio 2021. Il periodo coincide con l’introduzione di nuove e più stringenti restrizioni anti-Covid dopo i mesi di quasi semi libertà della stagione estiva.

A parlare, in questo caso, sono i numeri, che testimoniano un aumento non indifferente del prezzo dei carburanti nell’arco del trimestre di riferimento.

Dai prezzi medi settimanali è stata elaborata una media mensile ponderata con i giorni di presenza di uno specifico prezzo nell’arco del mese. Il dato poi è stato pubblicato nel giorno a seguire la prima rilevazione settimanale nel mese successivo a quello cercato.

Di quanto è aumentata la benzina e il prezzo dei carburanti negli ultimi mesi

Con l’annuncio e l’arrivo della seconda ondata, come emerge dai dati certificati dal Mise, si è verificato parallelamente un aumento dei prezzi del carburante.

Nello specifico, i rincari da novembre 2020 a gennaio 2021 sono stati i seguenti:

  • Benzina da 1.390,59 €/1.000 litri a novembre a 1.423,91 €/1.000 litri fino ad arrivare a 1.465,48 €/1.000 litri a gennaio 2021;
  • Gasolio auto da 1.261,41 €/1.000 litri a novembre a 1.300,32 €/1.000 litri a dicembre fino a 1.338,30 €/1.000 litri a gennaio 2021;
  • GPL da 596,76 €/1.000 litri a novembre a 615,11 €/1.000 litri a dicembre fino a 632,83 €/1.000 litri a gennaio 2021;
  • Gasolio riscaldamento da 1.094,54 €/1.000 litri a novembre a 1.136,86 €/1.000 litri fino a 1.162,18 €/1.000 litri a gennaio 2021;
  • O.C. fluido BTZ da 693,55 €/1.000 kg a novembre a 726,63 €/1.000 kg a dicembre fino a 757,37 €/1.000 kg a gennaio 2021;
  • O.C. denso BTZ da 378,75 €/1.000 kg a novembre a 404,38 €/1.000 kg a dicembre fino a 429,60 €/1.000 a gennaio 2021.

Sulla questione, si è espresso Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, il quale ha dichiarato: “Ormai sono inarrestabili i rincari dei carburanti, iniziati a metà novembre. In una sola settimana un pieno da 50 litri è aumentato di 58 cent per la benzina e 61 per il gasolio. In 3 mesi esatti, dal 16 novembre ad oggi, c’è stata un’infiammata dei prezzi dell’8,3% per la benzina e del 9,4% per il gasolio”.

“In valore assoluto – ha aggiunto lo stesso – si tratta di 11,5 cent al litro per la benzina e 11,8 cent al litro per il gasolio. Su un pieno di 50 litri l’aggravio è di 5 euro e 75 cent per la benzina e 5 euro e 88 cent per il gasolio. Su base annua è pari ad un incremento di spesa per autovettura pari a 138 euro all’anno per la benzina e 141 euro per il gasolio“.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rincari benzina, quanto sono aumentati i prezzi del carburante durante...