RC Auto, come risparmiare anche in caso di incidente

Il trucco è molto semplice e perfettamente legale: basta ricorrere al meccanismo del rimborso del sinistro, che evita il cambio di classe

Gli assicurati RCA con clausola bonus e malus sanno bene che in caso di incidente rischiano di vedere schizzare il proprio premio e cambiare classe. Un sinistro con colpa corrisponde infatti a un aumento di due classi. Che può rivelarsi particolarmente oneroso. Basti pensare che mediamente tra la prima classe e le fasce più basse della decima c’è una differenza di oltre 300 euro. Per evitare che il premio schizzi in alto esiste comunque un meccanismo noto come rimborso del sinistro.

Come funziona il rimborso del sinistro e per quali tipi di incidente

L’assicurato ha la facoltà di rimborsare, attraverso la Consap, i sinistri che rientrano nell’ambito della procedura del risarcimento diretto per evitare l’attribuzione di una classe di merito superiore. Sono due le tipologie di sinistri riscattabili.

  • Sinistri tra due veicoli accaduti a partire dal 1° febbraio 2007, quando è stato avviato il risarcimento diretto.
  • Sinistri liquidati e contabilizzati totalmente per i quali non risultino pendenti altre partite di danno.

Non sono invece riscattabili le seguenti tipologie di sinistro.

  • Sinistri dove la polizza assicurativa prevede la franchigia a tariffa fissa.
  • Sinistri con collisione tra più di due veicoli.
  • Sinistri che hanno provocato la collisione di un solo veicolo a motore o tra più di due veicoli.
  • Sinistri accaduti all’estero, fatta eccezione per la Città del Vaticano e la Repubblica di San Marino.
  • Sinistri con collisione con ciclomotore non munito di targa (con cilindrata pari o inferiore a 50 cc sprovvisti di targa).
  • Sinistri dove la compagnia assicurativa non abbia aderito alla Card, la Convenzione tra assicuratori per il risarcimento diretto.

In questi casi l’assicurato deve rivolgersi alla propria assicurazione per avere tutte le informazioni sulla possibilità di riscatto del sinistro.

Come effettuare il rimborso del sinistro attraverso Consap

Il contraente della polizza assicurativa del veicolo responsabile, se ritiene che sia conveniente rimborsare il sinistro, può versare il relativo importo direttamente alla Stanza di compensazione tramite bonifico bancario – e a breve anche tramite PagoPa.

Consap provvederà a rilasciare l’attestazione di avvenuto pagamento, con cui il contraente della polizza potrà recarsi presso il proprio assicuratore e richiedere la riclassificazione del contratto.

È possibile completare la procedura anche attraverso un intermediario o un delegato. A ogni richiesta deve corrispondere un singolo sinistro Card.

Come si compila il modulo del rimborso del sinistro Consap

Per compilare correttamente la domanda sono necessarie le seguenti informazioni.

  • Data del sinistro.
  • Targa del responsabile.
  • Targa del danneggiato.
  • Compagnia assicurativa del responsabile.
  • Compagnia assicurativa del danneggiato.
  • Dati anagrafici del contraente della polizza del veicolo responsabile.

Le richieste possono arrivare a Consap in due modi.

  • Via internet, attraverso la procedura online. Si tratta del metodo più rapido.
  • Via posta tradizionale, inviando un modello precompilato all’indirizzo Consap Spa, Servizio Stanza di compensazione, Via Yser 14 – 00198 – Roma.

Una volta verificate le informazioni e l’esistenza del sinistro, la Concessionaria darà comunicazione dell’importo liquidato al richiedente responsabile o al delegato.

La comunicazione sarà inviata a un indirizzo email indicato nella richiesta oppure con una lettera riservata inviata tramite posta ordinaria al recapito indicato nel modello.

Queste informazioni sono particolarmente utili in questo periodo di rincari. Qua vi abbiamo svelato dove le RC Auto, sempre più care, costano di meno. In caso incidente stradale esistono 5 regole d’oro da seguire. Le trovate qua. Se non avete ben chiaro come funziona il meccanismo di bonus e malus delle assicurazioni, qua ci sono tutti i chiarimenti.