Perché Ryanair, easyJet e Volotea sono stati multati per 8,4 milioni di euro

I tre vettori sono accusati di non aver rimborsato i clienti per i voli cancellati nonostante la fine delle limitazioni anti Covid per i viaggi in aereo

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha multato alcune delle compagnie aeree low cost che volano nei cieli italiani per quanto avvenuto durante la pandemia di Covid-19 anche a seguito delle limitazioni imposte agli spostamenti per fare fronte all’emergenza sanitaria.

L’Antitrust ha previsto le seguenti sanzioni per pratiche commerciali scorrete da parte dei tre colossi dell’aria.

  • 4,2 milioni di euro di multa all’irlandese Ryanair.
  • 2,8 milioni di euro di multa all’inglese easyJet.
  • 1,4 milioni di euro di multa alla spagnola Volotea.

Multa a Ryanair, easyJet e Volotea per 8,4 milioni di euro per i rimborsi

I tre vettori, secondo quanto riporta l’Agcm, non hanno rimborsato ai consumatori il costo dei biglietti dei voli che sono stati cancellati dopo il 3 giugno 2020.

Si tratterebbe di una “condotta gravemente scorretta” e non in linea con il canone di “diligenza professionale”. A finire nel mirino sarebbero tutti i viaggi eliminati causa Covid nonostante fossero già finite le limitazioni agli spostamenti decise dal Governo.

I biglietti dei voli erano stati venduti in offerta, e con la scusa dell’emergenza sanitaria le compagnie aeree non hanno rimborsato i clienti, rilasciando solo dei voucher.

Multa a Ryanair, easyJet e Volotea per 8,4 milioni di euro: le altre accuse

Per il Garante si sarebbero verificate inoltre altre condotte scorrette. Ai consumatori sarebbero state date informazioni ingannevoli e omissive sui loro diritti, ostacolando o ritardando il rimborso e rendendo complicate le procedure per indurre o addirittura costringere il cliente ad accettare invece dei voucher.

In altre situazioni invece sarebbe stato reso impossibile usufruire dei voucher emessi, constringendo il consumatore a utilizzare un numero telefonico a pagamento per poterlo fare, non effettuando il rimborso alla scadenza dei buoni o ancora rendendoli inutilizzabili prima della loro scadenza, che per la normativa emergenziale è di 18 mesi.

Multa a Ryanair per la campagna pubblicitaria ingannevole sui voli

Ryanair è inoltrae accusata dall’Antitrust di aver diffuso una campagna pubblicitaria sui principali mezzi di informazione che recitava che non sarebbe stata applicata “nessuna penale per il cambio“, con la possibilità di cambiare i voli gratuitamente.

La società avrebbe invece applicato per il nuovo volo tariffe più alte di quelle presenti sul sistema di prenotazioni per i nuovi clienti, e aggiungendo una penale per cambi avvenuti in un arco temporale inferiore a una settimana prima della data di partenza.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Perché Ryanair, easyJet e Volotea sono stati multati per 8,4 milioni ...