Lotteria degli scontrini, quali acquisti non valgono per il concorso

La lotteria degli scontrini è una speciale lotteria virtuale gratuita pensata dal Governo per incentivare l'uso di carte, bancomat e app di pagamento elettronico

Con febbraio parte una nuova fase del Piano Cashless Italia. Dal 1° febbraio infatti gli acquisti di beni e servizi di almeno un euro pagati con strumenti elettronici presso esercenti aderenti potranno generare biglietti virtuali validi per partecipare alla prima estrazione della cosiddetta lotteria degli scontrini.

La lotteria degli scontrini è una speciale lotteria virtuale gratuita pensata dal Governo per incentivare l’uso di carte, bancomat e app di pagamento elettronico.

Per partecipare è assolutamente necessario ottenere il proprio codice lotteria, collegato al proprio codice fiscale (qui trovate tutte le info su come fare ad averlo e a cosa serve e qui tutti i premi per acquirenti e esercenti).

Lotteria degli scontrini, come funziona

Ma come funziona la lotteria? Se l’importo della spesa è almeno pari a 1 euro e il pagamento avviene tramite mezzi elettronici – carte di credito, carte di debito, bancomat, carte prepagate, carte e app connesse a circuiti di pagamento privativi e a spendibilità limitata -, lo scontrino elettronico che l’esercente invia telematicamente produrrà un biglietto virtuale per ogni euro speso, fino a un massimo di 1.000 biglietti per ogni scontrino di importo pari o superiore a 1.000 euro.

Successivamente all’estrazione dei biglietti vincenti, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli abbinerà il codice lotteria associato al biglietto estratto al codice fiscale dell’acquirente e alla partita IVA dell’esercente risultati vincitori.

Quali acquisti e pagamenti sono esclusi

Non tutti gli acquisti contactless però concorrono alla lotteria. Ecco quali sono esclusi:

  • gli acquisti di importo inferiore a 1 euro
  • gli acquisti effettuati online
  • gli acquisti effettuati nell’esercizio di attività di impresa, arte o professione, cioè quelli per i quali si emette fattura
  • rifornimento di benzina
  • telecomunicazioni, servizi di tele-radiodiffusione ed elettronici verso privati consumatori
  • rivendite e distributori di tabacchi
  • cessione di prodotti agricoli da soggetti che applicano il regime speciale
  • vendita di quotidiani e riviste
  • servizi di custodia e amministrazione dei titoli da parte di istituti di credito
  • somministrazione di alimenti e bevande in mense scuole e università
  • prestazioni di parcheggio in aree coperte o scoperte
  • stampa, recapito e duplicati patente.

Nella fase di avvio della lotteria non consentono di partecipare neppure:

  • gli acquisti documentati mediante fatture elettroniche
  • gli acquisti per i quali i dati dei corrispettivi sono trasmessi al sistema Tessera Sanitaria (per esempio acquisti effettuati presso farmacie, parafarmacie, ottici, laboratori di analisi, ambulatori veterinari ecc.)
  • gli acquisti per i quali l’acquirente richieda all’esercente l’acquisizione del proprio codice fiscale a fini di detrazione o deduzione fiscale.

Il calendario delle estrazioni della lotteria degli scontrini

La prima estrazione mensile si terrà giovedì 11 marzo e distribuirà a fronte degli scontrini trasmessi e registrati al Sistema lotteria dal 1° al 28 febbraio:

  • premi da 100mila euro a 10 acquirenti
  • premi da 20mila a 10 esercenti.

Da giugno poi si aggiungeranno le estrazioni settimanali che distribuiranno ogni settimana:

  • 15 premi da 25mila euro per chi compra
  • 15 premi da 5mila euro per chi vende.

A inizio 2022 poi si terrà la prima estrazione annuale che premierà uno degli acquisti effettuati dal 1° febbraio al 31 dicembre 2021, assegnando:

  • 5 milioni di euro a un acquirente
  • 1 milione di euro a un esercente.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lotteria degli scontrini, quali acquisti non valgono per il concorso