Champions League, Juve a rischio: quanto perderebbe se non si qualificasse

Dall'ossessione di vincerla alla possibilità di non parteciparvi, proprio nell'anno dello scontro con Fifa e Uefa sulla Superlega: il dramma della Juventus in caso di mancato accesso alla Champions League

La Juventus ha dominato la scena italiana, vincendo nove campionati di fila. Si è fermata sul più bello, mancando il decimo scudetto consecutivo, scucitole dall’Inter, rivale di sempre. La stagione 2020-21 è stata fallimentare anche in Champions League, con i bianconeri eliminati dal Porto agli ottavi di finale. La prossima potrebbe essere decisamente più difficile, dal punto di vista economico, in caso di mancata qualificazione alla prossima edizione della massima competizione europea per club.

Juventus, quanto costa non vincere la Champions League

Un’uscita di scena che è costata cara per la società, tra l’altro quotata in Borsa. Dopo il ko con i portoghesi, infatti, il titolo ha perso il 6,5% a 0,806 euro. Una sconfitta pesante anche dal punto di vista dei mancati introiti: qualificandosi ai quarti avrebbe incassato 10,5 milioni di euro, poi 12,5 in caso di semifinale, 15 per la finale e 4 aggiuntivi in caso di successo. Ossigeno puro dal momento che l’ultimo semestre contabilizzato, 1° luglio-30 dicembre 2020, per la Juventus si era chiuso in rosso di 113,7 milioni di euro, complici i mancati ricavi dei biglietti a causa del Covid.

Sono stati questi i numeri a far spingere il piede sull’acceleratore al presidente bianconero, Andrea Agnelli, verso la Superlega. Il progetto è stato respinto con forza da Fifa e Uefa, che hanno minacciato di espellere i club coinvolti. Quasi tutti sono tornati sui loro passi, ma la vicenda è comunque ulteriormente costata una caduta in Borsa per la Juventus (-11,4% il giorno dopo la morte del progetto).

Champions League, Juve a rischio: quanto perderebbe se non si qualificasse

Senza Superlega, diventa fondamentale partecipare alla Champions League, ma la Juventus rischia di rimanerne fuori. Si giocherà il tutto per tutto fino alla fine, ma la possibilità che si ritrovi a disputare l’Europa League, che comporta meno incassi su tutti i punti di vista, è alta.

Secondo il Report Calcio della FIGC, commissionato a PwC, non prendere parte da un anno all’altro alla Champions League significa una perdita netta (stimata) di circa 75 milioni di euro rispetto all’anno precedente in cui si è disputata. Nel caso della Juventus, comunque, la partecipazione all’Europa League renderebbe un po’ meno traumatico lo scarto (di circa 30 milioni di euro, arrivando almeno in semifinale).

Senza Champions League, queste sarebbero le perdite stimate per la Juventus rispetto all’anno precedente:

  • ricavi tv: -29,7 milioni di euro;
  • valore di produzione: -39,3 milioni di euro;
  • ricavi stadio: -3,1 milioni di euro;
  • costo lavoro: 3,4 milioni di euro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Champions League, Juve a rischio: quanto perderebbe se non si qualific...