Incentivi rottamazione auto: dall’usato ai veicoli commerciali all’Ecomalus, tutte le novità

Diversi gli emendamenti al decreto Rilancio a sostegno del settore auto, duramente colpito dalla crisi Covid. Ecco le ipotesi sul tavolo

Il caos regna ancora sovrano, ma il bonus molto probabilmente ci sarà. Il settore auto, tra i più duramente colpiti dalla crisi Covid, dovrebbe essere sostenuto da alcune misure specifiche che il Governo Conte sta vagliando in questi giorni.

Come rilevano i dati del Ministero dei Trasporti, il primo mese di riaperture delle concessionarie italiane ha visto le immatricolazioni diminuire del 49,61% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Ad aprile le vendite erano state quasi azzerate, con un -97,55%. La perdita di fatturato è stata di 8,3 miliardi, a cui vanno aggiunti 1,8 miliardi di minor gettito IVA.

Nel decreto Rilancio non se ne fa menzione, ma proprio per andare incontro alle richieste di sostegno al settore automotive, come QuiFinanza vi aveva anticipato, tra i numerosissimi emendamenti presentati a modifica dell’ultimo dl economico spunta anche un’interessante proposta a firma di Pd, Italia Viva e Leu.

Cosa cambiano (forse) gli incentivi auto 2020

L’emendamento, se approvato, scatterà dal 1° luglio 2020 e durerà fino al 31 dicembre 2020. Prevede due opzioni:

  • per chi rottama un veicolo con più di 10 anni di anzianità, un contributo pari a 4mila euro (contributo statale di 2mila euro, più contributo dei concessionari di altri 2mila euro);
  • per chi invece non rottama la propria auto, ma acquista un veicolo nuovo Euro 6 con emissioni di C02 superiori a 61g/km, sconto di 2mila euro, dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021 (di cui contributo statale di 1.000 e contributo dei concessionari di altri 1.000).

A partire dal primo gennaio e fino al 31 dicembre 2021, invece, il bonus sarà ridotto a 2mila (1.000 euro statale + 1.000 euro dal concessionario).

Il bonus vale anche per le auto usate

Ma la novità davvero interessante è che il bonus rottamazione dovrebbe essere valido anche per chi acquista un’auto usata. Dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 si potrà rottamare un’auto usata Euro 0,1,2 e 3 con un usato non inferiore a Euro 5. In questo caso, si avrà diritto ad un bonus di 1000 euro e si potrà beneficiare dell’esenzione degli oneri fiscali sul trasferimento dell’auto.

La proposta di Forza Italia

Un pacchetto di emendamenti al Dl Rilancio a sostegno del settore auto arriva anche da Forza Italia, a firma di Maria Stella Gelmini e Claudia Porchietto. Le due forziste propongono:

  • possibilità di acquistare un’auto meno inquinante con un incentivo fino a 4mila euro con la rottamazione e fino a 2.500 euro senza rottamazione
  • sospensione dell’Ecomalus per tutto il 2020
  • immediata riduzione delle imposizioni fiscali sui veicoli aziendali di nuova immatricolazione
  • bonus aggiuntivo di 2mila euro a fronte di rottamazione e di 1.000 senza rottamazione per l’acquisto di auto in stock (già prodotte prima del marzo 2020) e immatricolate entro il 31 dicembre
  • pacchetto di incentivi da 1.000 a 3mila euro per l’acquisto di veicoli commerciali
  • istituzione di un fondo straordinario triennale da 450 milioni di euro per l’acquisto di veicoli industriali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Incentivi rottamazione auto: dall’usato ai veicoli commerciali a...