Grecia, ecco la ‘lista delle atrocità’ da approvare domani

Il Parlamento ellenico ha poche ore per ratificare le richieste dei creditori

Nel documento stilato dall’Eurogruppo e approvato nella riunione dell’Eurosummit c’è poco spazio per le richieste della Grecia. L’Eurozona vuole tenere la Grecia nell’euro, ma in cambio vuole una resa incondizionata. Ecco i punti più salienti del documento, che il settimanale tedesco ‘Der Spiegel’ ha ribattezzato "la lista delle atrocità".

Vedi anche:
Grecia, accordo strappato a caro prezzo. Le condizioni
Salvataggio Grecia: ora Tsipras deve passare ai fatti
Grexit? E’ la Germania la vera bomba a orologeria d’Europa
Effetto Grecia: l’Austria medita l’uscita dall’euro
Grecia: liquidazione coatta
Piazza Affari festeggia l’accordo tra Grecia e creditori

Piano di riforme entro il 15 luglio – Tsipras non avrà nemmeno il tempo di tornare a casa e spiegare il perché di un piano molto più duro dell’ultima offerta, visto che deve far approvare dal Parlamento entro mercoledì il primo set di riforme. L’alternativa è una "Grexit" temporanea, con tutte le incognite sul fallimento che essa comporterebbe.

Iva, baby pensioni, licenziamenti collettivi e Troika – Riparte il programma di austerity: dalla Troika che torna a "commissariare" il governo ellenico all’abolizione immediata – cioè entro mercoledì – delle baby pensioni, dalla reintroduzione dei licenziamenti collettivi all’abolizione della contrattazione collettiva. Nemmeno le riforme che Tsipras ha già fatto potranno salvarsi: dovranno essere "compensate" (cioè trovando misure a copertura), o abolite ad eccezione di quelle umanitarie. Il premier greco deve far approvare al Parlamento la riforma dell’Iva, delle pensioni, (entro il 22) l’adozione del Codice di Procedura civile, la creazione del "Fiscal Council" previsto dal Fiscal Compact per controllare i bilanci e la direttiva per la "risoluzione" delle banche, che mette fine ai salvataggi statali. Tsipras deve "depoliticizzare" la P.a., ovvero svuotarla dei membri di Syriza che ora la occupano.

L’Eurogruppo si riunisce per dare il via libera agli aiuti – Subito dopo un nuovo Eurogruppo deve riunirsi per giudicare se il Parlamento ellenico avrà svolto i compiti a casa e nel caso in cui la risposta sia positiva dare il via libera al terzo salvataggio da 86 miliardi di euro, di cui 25 andranno immediatamente alle banche in deficit, alcune delle quali dovranno affrontare il "fallimento ordinato".

Il fondo di garanzia di 50 miliardi – Tra le misure introdotte dai ministri delle Finanze c’è il fondo da 52 miliardi di euro nel quale la Grecia dovrà trasferire asset da privatizzare, usando il denaro per ridurre il debito e per finanziare le stesse banche. Un fondo di garanzia che avrà sede in Grecia e sarà gestito dalle istituzioni europee.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Grecia, ecco la ‘lista delle atrocità’ da approvare ...