Dl Sostegni, come funziona il sito per chiedere i contributi

Ancora in fase di definizione, il portale gestito da Agenzia delle Entrate e Sogei sarà l'unico canale tramite il quale fare richiesta

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha presentato il Decreto Sostegni, con gli aiuti a famiglie, lavoratori e imprese per l’emergenza Covid-19, appena approvato in Cdm e ha assicurato l’erogazione dei contributi già a partire dall’8 aprile. Il provvedimento prevede che le domande siano presentate “esclusivamente in via telematica” attraverso il sito dedicato. Ecco come fare richiesta.

Dl Sostegni, come funziona il sito per chiedere i contributi: la struttura

Il portale predisposto da Agenzie delle Entrate e Sogei non è ancora online, non si conosce il nome o l’indirizzo, ma è stata già programmata la struttura informatica.

La piattaforma sarà messa a disposizione dei richiedenti entro pochi giorni dall’entrata in vigore della legge. Per evitare crolli improvvisi a causa dell’elevato afflusso di domande il sito sarà suddiviso in tre livelli virtuali dove i cittadini potranno compilare i moduli.

A partire dalla sezione del “Log-in” che verrà gestita da un software col compito di indicare per ogni utente collegato i tempi di attesa per entrare nella seconda “camera”, nella quale si dovranno inserire i propri dati, quelli dell’azienda e l’Iban per presentare la richiesta di contributi.

Dl Sostegni, come funziona il sito per chiedere i contributi: le tempistiche

Il timer apparirà anche in questa sezione così da informare il cittadino riguardo alle tempistiche, previste in media per circa due-tre minuti in ogni livello.

Infine il richiedente potrà entrare nella stanza finale, nella quale invierà la pratica. Secondo le intenzioni dei tecnici del Fisco e di Sogei, in totale il processo non dovrebbe richiedere un’attesa superiore ai dieci minuti.

L’obiettivo fissato dall’Agenzia delle Entrate è di concludere l’erogazione di tutte le richieste ricevute, entro la fine di aprile. A decorrere dell’invio della domanda, l’Agenzia calcola che dopo la verifica e l’accettazione della stessa si dovrebbero attendere circa due settimane per ottenere i contributi.

Si tratterebbe di un sistema già rodato dall’Agenzia dell’Entrate in occasione delle precedenti misure a sostegno delle categorie in difficoltà per le chiusure a contrasto dell’epidemia da Covid-19. Una “gestione preventiva” architettata per evitare sovraccarichi e blocchi causati dall’invio in contemporanea di grandi numeri di domande, in particolar modo nelle prime ore e nei primi giorni dall’inizio delle prese in carico delle pratiche. 

In linea con l’anno passato si stimano volumi di traffico di circa 3 milioni di sessioni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dl Sostegni, come funziona il sito per chiedere i contributi