Debito pubblico: gli Stati europei sopra i 2mila miliardi di euro

Non solo in Italia, ma in molti Stati europei il debito pubblico è cresciuto negli ultimi anni, superando i 2mila miliardi di euro

Insieme a deficit e spread, il “debito pubblico” è presente ormai quotidianamente nelle nostre case, tra preoccupazione e qualche dubbio.

D’altronde, è anni che il debito pubblico italiano sale, nonostante manovre, tasse che aumentano e tagli a comparti importanti dello Stato, come sanità e istruzione. Pensare che gli italiani portano un fardello di 38 mila euro a testa non è una consapevolezza serena. E intanto il debito continua a crescere.

Può essere di conforto però sapere che l’Italia non è sola a trovarsi all’interno di questa tendenza. I dati parlano chiaro: il debito pubblico italiano è sempre cresciuto a partire dai 1.070 miliardi registrati nel 1995. Nel 2017 ha raggiunto i 2.263 miliardi di euro, mentre nell’agosto 2018 si è attestato a 2.327 miliardi di euro. Durante gli stessi anni, il debito della Germania è aumentato di pari passo a quello della nostra Penisola: nel 2012 ha toccato i 2.202 miliardi di euro, mentre nel 2017 è sceso a 2.092 miliardi.

Confrontando il debito pubblico, non si può però non tenere in considerazione la grande differenza tra il PIL della Germania e quello italiano: se il primo infatti arriva a toccare i 3.424 miliardi di euro, quello nostrano si ferma ai 1.867 miliardi. La differenza di Pil è di 1.557 miliardi, mentre la differenza del debito è di appena 171 miliardi. L’economia di Berlino risulta quindi essere ben più solida di quella di Roma.

Rimanendo in ambito europeo, anche la Gran Bretagna ha registrato nel corso degli anni un aumento del debito pubblico, arrivando nel 2015 a registrare la cifra più alta d’Europa di 2.269 miliardi di euro. Pur con difficoltà, la Gran Bretagna è comunque riuscita a invertire il trend di crescita e l’anno scorso il debito pubblico è sceso a 2.013 miliardi di euro. Anche in questo caso, come in quello tedesco, bisogna tenere in considerazione che l’economia britannica è più grande di quella italiana.

Nel panorama europeo di Paesi con debito pubblico al di sopra dei 2000 miliardi è presente anche la Francia, che ha vissuto negli anni un percorso simile a quello italiano. Nel 1995 registrava infatti 692,2 miliardi di euro di debito pubblico, che è poi cresciuto costantemente arrivando a toccare i 2.218 miliardi di euro nel 2017.

Se è corretto considerare il debito pubblico insieme al rapporto tra debito e PIL per capire quanto l’economia di quel Paese sia in grado di sostenere il debito e ripagarlo, rimane utile anche considerare il debito pubblico espresso in miliardi. In particolare, osservare la sua crescita, Paese per Paese, risulta valido per valutare l’impegno delle finanze pubbliche nel superare la crisi economica e mostrare chi ha speso di più (o chi invece molto meno).

Debito pubblico: gli Stati europei sopra i 2mila miliardi di euro