Costo del gas in Italia: in un anno è cresciuto del +50%

In Italia da oltre un anno la crescita dei prezzi del gas è costante. Nel terzo e quarto trimestre l’aumento del prezzo è stato del +15,3% e del +14,4%.


In questi ultimi mesi il prezzo del gas per uso domestico
ha subito un forte aumento. Si tratta di un fenomeno che interessa moltissimi Paesi, nei quali la domanda di energia è cresciuta a dismisura anche a causa della crisi energetica mondiale e della veloce ripartenza economica post lockdown. Ma quali sono le nazioni europee dove il costo del gas è più alto?

L’Italia al sesto posto in Europa per costo del gas

Secondo le ultime stime fornite da Eurostat, che mostrano il prezzo del gas in Europa in € per KWh (per il consumo domestico, comprensivo di tasse), il primo posto tra le nazioni europee per il costo più alto spetta alla Svezia. Nei primi sei mesi dell’anno il paese scandinavo ha, infatti, registrato un prezzo pari a 0,1234€ per KWh. A seguire, sul podio di questa speciale classifica, si posizionano altri due Paesi del Nord Europa: i Paesi Bassi con 0,0961€ per KWh e la Danimarca con 0,0895 € per KWh. 

E l’Italia? Si piazza al sesto posto in Europa. Nel primo semestre del 2021, il prezzo del gas nel nostro Paese era pari a 0,0703€ per KWh. Un dato che pone l’Italia nelle prime posizioni tra i big d’Europa. Spagna, Francia, Germania e Regno Unito hanno, infatti, valori inferiori. Anche significativamente più bassi, come il Regno Unito, ad esempio, dove il prezzo del gas in € per KWh è di 0,0476€.

Il costo del gas negli ultimi mesi in Italia

Restando nel nostro Paese, i dati mostrano con chiarezza che il prezzo del gas in questi ultimi mesi ha subito un deciso aumento. Secondo le stime di ARERA, l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, le condizioni economiche di fornitura per una famiglia con un consumo annuale di 1.400 m³, in c€/m³ sono passate da 73,42€ nel secondo semestre del 2021 a 96,85€ nel quarto trimestre del 2021. Il dato più alto registrato negli ultimi otto anni. 

 

In Italia, oramai da oltre un anno, la crescita dei prezzi del gas è costante. Se il 2020 si era chiuso con il +11,4% registrato nel quarto trimestre, il 2021 ha fatto segnare un +5.3% nel primo trimestre e un +3,9% nel secondo. Aumenti ai quali sono seguiti un +15,3% nel terzo trimestre e +14,4% negli ultimi tre mesi.

Cosa paghiamo con la bolletta del gas

Ma dove vanno i soldi che paghiamo per il gas? Se prendiamo come riferimento il prezzo di 96,85 c€/m³ dell’ultimo trimestre del 2021, il 60,5% del totale serve a pagare il costo della materia prima – il gas naturale -, mentre la parte restante va a copertura di imposte (22,64%), gestione del contatore e trasporto (15,45%) e oneri di sistema (1,38%).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Costo del gas in Italia: in un anno è cresciuto del +50%