Codacons denuncia Bankitalia sui prestiti: dalle banche “risposte incredibili”

Attesa per martedì la conferenza stampa in cui saranno presentati i dettagli dell'indagine. L'Associazione anticipa: risposte delle banche "incredibili"

Dopo la sua dura presa di posizione contro gli errori della gestione cinese dell’emergenza coronavirus e le gravi conseguenze sofferte dall’economia italiana e mondiale, nel mirino del Codacons sono ora finite le banche.

Per conoscere i dettagli bisognerà aspettare fino al 5 maggio, data della conferenza stampa, che si terrà in streaming alle 12, organizzata dal Coordinamento delle Associazioni Italiane per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti dei consumatori. Ma già nelle ultime ore sono trapelate motivazioni e obiettivi di un’iniziativa destinata a far parlare.

L’indagine del Codacons su 14 istituti di credito

Il tema è quello dei prestiti fino a 25mila euro disposti dal Governo per il sostegno alle imprese, misura indebolita, peraltro, dai ritardi di cui tanto si è parlato nei giorni scorsi. A questo proposito, secondo quanto si apprende da alcune fonti di stampa ripubblicate sul sito del Codacons, martedì l’Associazione illustrerà i risultati di una indagine svolta su 14 istituti di credito e la conseguente denuncia presentata alla Banca d’Italia.

Il risultato del monitoraggio

Il Codacons avrebbe infatti messo in piedi un vero e proprio monitoraggio per verificare in che modo le banche stiano rispondendo alle richieste delle imprese che intendono accedere al credito garantito previsto dal Decreto n. 23/2020, scoprendo che, su 302 filiali contattate, “165 (ossia il 54,6% del totale) nemmeno rispondono al telefono”.

Un quadro “inquietante”, spiega l’Associazione, che “evidenzia una scarsa formazione del personale delle varie banche da parte degli organi competenti (Abi e Bankitalia in primis) che finisce, in troppe occasioni, per fare gli interessi degli istituti, rendendo i prestiti un vero e proprio labirinto dove le imprese fanno fatica a muoversi”.

Il Codacons sottolinea in particolare i numerosi ostacoli che si frappongono tra le imprese e l’effettiva erogazione del credito, “che spesso anche in buona fede viene negato a chi non è già correntista della banca, in totale spregio delle disposizioni vigenti e aggravando la situazione di crisi di migliaia di attività in tutto il paese, mentre in questo momento le banche dovrebbero dimostrare massima collaborazione, correttezza e sostegno a chi ne ha bisogno”.

Risposte fornite dalle banche “incredibili”

L’Associazione descrive come “incredibili” le risposte fornite dagli addetti delle varie filiali, e annuncia che “saranno diffuse nel corso della conferenza stampa” prevista per martedì.

Durante l’incontro, al quale sono stati invitati a partecipare Abi, Banca d’Italia e Consob, “verrà inoltre illustrata una denuncia contro Bankitalia e il sistema bancario presentata dal Codacons affinché si vigili sul comportamento degli istituti di credito e si sanzioni qualsiasi violazione delle norme, anche con formale segnalazione alle Procure della Repubblica per i reati di Rifiuto di atti d’ufficio, Interruzione di pubblico servizio, Inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, Inadempimento di pubbliche forniture”, conclude il Codacons.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Codacons denuncia Bankitalia sui prestiti: dalle banche “rispost...