Cashback, l’elenco aggiornato delle carte e app di pagamento ammesse

Con il Cashback di Stato si ottiene il 10% di rimborso sugli acquisti effettuati con carte e bancomat, in negozi fisici. Ma occhio a quali metodi di pagamento potete usare

Nel solo mese di dicembre 2020 5,8 milioni di cittadini si sono iscritti al Programma Cashback, 9,8 milioni gli strumenti di pagamento elettronici che sono stati registrati e ben 63 milioni le transazioni effettuate.

Come funziona il Cashback

Senza dubbio il programma messo a punto dall’ex governo Conte nell’ambito del Piano Italia Cashless piace agli italiani, nonostante venga da molti considerato un mero palliativo di fronte a una crisi generalizzata e profonda. E nonostante sia scattata la corsa dei “furbetti del Cashback”, a cui ora il Governo intende riparare con una stretta rigorosa.

Il Cashback di Stato consente un rimborso del 10% con pagamenti elettronici, cioè se si usano carte di credito, carte di debito e prepagate, bancomat e app di pagamento (non vale per gli acquisti online, qui tutti i casi di esclusione) fino a 300 euro all’anno, cioè fino a 150 euro a semestre, con almeno 50 pagamenti. Noi di QuiFinanza abbiamo anche scoperto un modo per avere il 20% di rimborso, ve ne abbiamo parlato qui.

Il rimborso massimo per singola transazione è di 15 euro. Ogni 6 mesi i primi 100mila cittadini che avranno eseguito più transazioni riceveranno indietro 1.500 euro. Quindi, con il Super Cashback si possono arrivare a “guadagnare” fino a 3mila euro all’anno.

Attenzione agli esercenti: serve accordo con acquirer convenzionato

Ad oggi sono ancora molti gli esercenti che non dispongono del dispositivo necessario per l’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici che consentono di partecipare all’iniziativa. Infatti, affinché le transazioni possano essere acquisite ai fini del programma, è necessario che il negoziante abbia concluso un accordo con un cosiddetto “acquirer convenzionato”. Prima di eseguire un pagamento presso un punto vendita, vi consigliamo di verificare sempre se questo partecipa o meno al Cashback.

L’acquirer convenzionato è il soggetto che ha concluso un accordo con l’esercente per l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici attraverso dispositivi di accettazioni fisici e che ha sottoscritto una convenzione con la società PagoPA, la società incaricata dal ministero dell’Economia per lo sviluppo e la gestione della piattaforma tecnologica alla base del programma, per partecipare appunto al Cashback.

Tutte le carte e le app di pagamento ammesse al Cashback

La lista degli acquirer convenzionati è in costante aggiornamento, con l’obiettivo di dare la possibilità di partecipare al Cashback presso la quasi totalità dei punti vendita sul territorio italiano. Ecco quelli attualmente esistenti:

  • Allitude
    Data di avvio: 09/02/2021
  • American Express
    Data di avvio: 08/12/2020
  • Axepta – BNL
    Data di avvio: 08/12/2020
  • Banca Sella
    Data di avvio: 08/12/2020
  • Equens Worldline – Six Payments
    Data di avvio: 01/01/2021
  • ICCREA
    Data di avvio: 08/12/2020
  • Mercury Payment Services (ex Setefi)
    Data di avvio: 08/12/2020
  • Nexi
    Data di avvio: 08/12/2020
  • PagoBANCOMAT
    Data di avvio: 08/12/2020
  • Poste Italiane
    Data di avvio: 08/12/2020
  • Satispay
    Data di avvio: 08/12/2020
  • SIApay
    Data di avvio: 08/12/2020
  • SumUp
    Data di avvio: 09/12/2020
  • UBI
    Data di avvio: 08/12/2020
  • Unicredit
    Data di avvio: 08/12/2020.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cashback, l’elenco aggiornato delle carte e app di pagamento amm...