Bonus vacanze, come si usa il codice tributo per ottenere lo sconto

Diritti e doveri del turista per il riconoscimento del bonus vacanze: cosa deve fare la struttura

Attivato dall’Agenzia delle Entrate il codice tributo per usufruire del bonus vacanze, che permetterà alle strutture ricettive aderenti di recuperare in sede di dichiarazione dei redditi lo sconto riconosciuto ai turisti beneficiari dell’agevolazione. Per poterne usufruire ci sono però specifiche procedure da seguire: vediamo insieme cosa deve fare la struttura e quali sono i diritti (e i doveri) dell’ospite che la sceglie.

Bonus vacanze: cosa deve fare la struttura

Come già accennato, grazie al bonus vacanze le strutture ricettive aderenti all’iniziativa potranno recuperare tramite detrazione fiscale lo sconto riconosciuto ai turisti beneficiari dell’agevolazione. L’importo copre fino ad un ammontare massimo del 20%, che potrà essere scaricato al momento della dichiarazione dei redditi presentata nell’anno successivo a quello di riferimento.

Per usufruire dell’agevolazione bonus vacanze le strutture interessate dovranno:

  • procedere con la compilazione del modello F24;
  • riportare all’interno del modello il codice tributo 6915 attivato dall’Agenzia delle Entrate nella sezione “Erario”;
  • segnare il campo “importi a credito compensati”, se si vuole procedere con la compensazione del credito di imposta, oppure “importi a debito versati” nel caso in cui si voglia riversa l’agevolazione.

La struttura ricettiva è obbligata a emettere fattura o a rilasciare un documento commerciale che attesti il pagamento dell’ospite e, solo dopo aver verificato la validità di quest’ultima, si vedrà attivato il bonus.

Bonus vacanze, diritti e doveri del turista

Come ricadono degli obblighi sulle strutture ricettive, anche il turista è tenuto a seguire una determinata procedura prima di vedersi attribuire il bonus vacanze. Nello specifico deve:

  • confermare la propria identità digitale tramite Spid o Cie;
  • scaricare l’app Io Italia con cui richiedere e monitorare il bonus;
  • indicare il proprio reddito Isee (che non deve essere superiore a 40 mila euro annui);
  • fare richiesta e attendere l’esito.

Nel caso in cui il bonus vacanze venga confermato, sempre tramite smartphone, verrà indicato anche l’importo massimo riconosciuto al soggetto che ha presentato domanda per il bonus vacanze. Il messaggio di conferma conterrà il codice Qr da comunicare alla struttura al momento del pagamento, ma sarà anche accompagnato dalla doppia opzione di scelta, ovvero: ottenere il bonus tramite sconto immediato sul costo del servizio oppure come detrazione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus vacanze, come si usa il codice tributo per ottenere lo sconto