Bonus famiglia 2020: dal nido all’allattamento, tutte le novità in manovra

Sono tre i bonus formato famiglia introdotti nella manovra approvata in Senato: oltre alle novità del bonus nido, il bonus bebè e il nuovo bonus allattamento

Sono tre i bonus per la famiglia contenuti nella manovra che è stata approvata dal Senato e che entro la fine dell’anno passerà al voto definitivo della Camera.

Oltre alla rimodulazione del bonus per gli asili nido e alle modifiche al bonus bebè, è stato introdotto anche il contributo da 400 euro per l’allattamento per le mamme che, per alcune patologie, non possono allattare al seno.

Tutte queste misure confluiranno, poi, nel 2021 nel Fondo assegno universale per la famiglia prevista dal disegno di legge di Bilancio con una dotazione di oltre un miliardo di euro per il 2021 e più di 1, 2 miliardi di euro annui a decorrere dal 2022. Gli obiettivi del Fondo sono il sostegno e la valorizzazione della famiglia ma anche il riordino delle varie politiche della famiglia in un unico assegno.

Bonus bebè 2020

Il testo della legge di Bilancio 2020 elimina il limite di reddito di 25.000 euro per l’accesso al bonus bebè. A partire dal 1° gennaio, potranno richiederlo tutte le famiglie con figli nati o adottati nel corso dell’anno, ma a cambiare sarà l’importo dell’assegno riconosciuto. Sarà riconosciuto soltanto per un anno e di fatto diventa una prestazione, cosiddetta “ad accesso universale”.

La prestazione universale sarà suddivisa in tre fasce di Isee:

  • assegno annuale di 1.920 euro per le famiglie con Isee minorenni non superiore a 7.000 euro;
  • assegno annuale di 1.440 euro per le famiglie con Isee minorenni superiore alla soglia di 7.000 euro e non superiore a 40.000 euro;
  • assegno annuale di 960 euro per le famiglie con un Isee minorenni superiore a 40.000 euro.

Nei casi di figlio successivo al primo, nato o adottato nel corso del 2020, l’importo dell’assegno è aumentato di un ulteriore 20 per cento.

Bonus asilo nido 2020

È stato rivisto e corretto anche il bonus asilo nido, che viene rimodulato su soglie Isee differenziate. Attualmente vengono erogati 1.500 euro, dal 2020 arriverà a 3.000 euro l’importo riconosciuto alle famiglie con Isee fino a 25.000 euro; per chi ha un Isee dai 25.001 a 40.000 euro sarà invece pari a 2.500 euro.
Alle famiglie con redditi alti il contributo sarà comunque riconosciuto, fino ad un massimo di 1.500 euro (importo base del bonus asilo nido).

Bonus allattamento

La novità del 2020 è il Fondo per l’erogazione di un contributo per l’acquisto di sostituti del latte materno alle donne affette da condizioni patologiche che impediscono la pratica naturale dell’allattamento, fino all’importo massimo annuo di 400 euro per neonato. Il Fondo ha una dotazione di 2 milioni di euro per il 2020 e 5 milioni a decorrere dal 2021.
Il bonus, previsto per le mamme che non possono allattare, potrà essere erogato fino al sesto mese di vita del neonato. Sarà un decreto del ministero della Salute entro marzo a stabilire i requisiti economici per l’accesso al contributo e per quali impedimenti all’allattamento al seno (condizioni patologiche, compresi i casi di ipogalattia e agalattia).

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus famiglia 2020: dal nido all’allattamento, tutte le novità...