Bonus collaboratori sportivi 2021: requisiti, domanda e quando arriva

Tra le categorie che più hanno sofferto in questo anno di pandemia ci sono i collaboratori sportivi. Ecco quando arriva l'indennità Covid prevista dal decreto Sostegni

Senza dubbio tra le categorie che più hanno sofferto in questo anno di pandemia ci sono i collaboratori sportivi. Da marzo a dicembre 2020 sono stati oltre 190mila i lavoratori dello sport che hanno ricevuto i bonus Covid erogati dal governo attraverso la società Sport e Salute, che ha gestito il pagamento di oltre mezzo miliardo di euro in nove mesi.

I dati del settore sport

Osservando i dati pubblicati da Sport e Salute, emerge come dopo il lockdown, tra giugno e luglio 2020, circa il 60% delle organizzazioni sportive avessero ripreso, almeno parzialmente, le proprie attività in sede. Complice anche una stagionalità non favorevole, in agosto la percentuale è scesa al 40%.

Poi settembre e ottobre, i mesi della speranza e di un’apparente ripresa: in quel momento, l’86% delle organizzazioni aveva riaperto. Due mesi dopo, come conseguenza delle nuove restrizioni dettate dal peggioramento del quadro epidemiologico, appena il 30% era attivo.

Deboli segnali di ripresa sono arrivati tra gennaio e febbraio (40%), ma più di prima le aperture riguardano soprattutto le attività riservate all’agonismo. All’interno di un quadro così incerto, non stupisce dunque che a distanza di un anno dal primo lockdown quasi 1 organizzazione su 2 continui ad erogare servizi online.

Tra le organizzazioni sportive attualmente non in grado di erogare alcun servizio in presenza, 1 su 10 dichiara cessata la propria attività e rinuncia all’idea di riaprire, soffocata dagli elevati costi di gestione, la fuga dei propri iscritti e l’insufficienza delle misure di sostegno ricevute per affrontare la situazione. Al Sud, nel complesso, la situazione pare più critica che altrove.

Chi deve fare domanda per il bonus e chi no

Ora, si attendono le nuove indennità previste dal decreto Sostegni messo in campo dal governo Draghi. Il decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 marzo 2021 e contiene appunto, tra le diverse misure, la norma per l’erogazione del bonus Covid anche ai collaboratori sportivi.

La normativa stabilisce che Sport e Salute eroghi automaticamente l’indennità ai soggetti che abbiano già ricevuto in precedenza il bonus, per i quali naturalmente persistano i requisiti richiesti. Il bonus è erogato nel limite massimo di 350 milioni di euro per l’anno 2021.

Dunque, i soggetti che hanno già usufruito della misura nel 2020 non dovranno presentare alcuna domanda, mentre i nuovi richiedenti hanno dovuto presentare la richiesta tra l’1 e il 15 aprile su apposito form presente sul sito di Sport e Salute.

La nuova formula del bonus collaboratori sportivi non fa riferimento a specifiche mensilità come nelle precedenti versioni. Nel 2020 i vari provvedimenti hanno previsto il riconoscimento dell’indennità Covid in misura fissa pari a 600 euro per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno e di 800 euro per i mesi di novembre e dicembre.

Nel dl Sostegni il bonus previsto invece è una tantum, e quindi si tratta di un’unica erogazione per l’anno 2021 anche se, è bene sottolinearlo, Sport e Salute in alcuni passaggi l’ha identificato come “indennità marzo 2021”.

A chi spetta il bonus collaboratori sportivi

Spetta ai lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso:

  • il Comitato Olimpico Nazionale (CONI)
  • il Comitato Italiano Paraolimpico (CIP)
  • le federazioni sportive nazionali
  • le discipline sportive associate
  • gli enti di promozione sportiva
  • riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI) e dal Comitato Italiano Paraolimpico (CIP)
  • le società e associazioni sportive dilettantistiche.

Come in precedenza, i collaboratori sportivi già beneficiari devono aver confermato, sulla piattaforma informatica, che la propria attività relativa al rapporto di collaborazione sia ridotta, sospesa o a causa del Covid. In questo senso, si considerano cessati a causa dell’emergenza epidemiologica anche tutti i rapporti di collaborazione scaduti entro la data del 30 dicembre 2020 e non rinnovati.

Bonus collaboratori sportivi, i requisiti

Ecco i requisiti per poter ottenere l’indennità collaboratori sportivi:

  • avere un contratto di collaborazione valido al 31 dicembre 2020 presso CONI, CIP o ASD iscritte al registro CONI;
  • non aver nessun reddito de lavoro oltre a quello sportivo;
  • aver ridotto o cessato la propria attività di collaborazione in seguito all’emergenza Covid;
  • non percepire il Reddito di cittadinanza;
  • non percepire il Reddito di emergenza;
  • non aver usufruito delle misure del decreto Cura Italia con misure come cassa integrazione o altre indennità erogate dall’Inps;
  • non aver percepito ristori per reddito di ultima istanza.

Tutti i beneficiari, con eccezione dei soggetti per i quali si è registrata un’incoerenza con i dati comunicati dall’Inps, riceveranno a breve una mail per l’accesso in piattaforma.

A quanto ammonta il bonus per i lavoratori dello sport

L’ammontare del bonus per i collaboratori sportivi è determinato secondo tre fasce:

  • 3.600 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura superiore ai 10mila euro annui
  • 2.400 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura tra 4mila e 10mila euro annui
  • 1.200 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura inferiore ai 4mila euro annui.

Ai fini della determinazione dell’ammontare dell’indennità, Sport e Salute utilizza i dati dichiarati dai beneficiari al momento della presentazione della domanda nella piattaforma informatica prevista dall’articolo 5 del decreto 6 aprile 2020 del Ministro dell’Economia e delle Finanze di concerto con il Ministro per le Politiche giovanili e lo Sport. Non è possibile modificare questa dichiarazione.

Il bonus Covid per i collaboratori sportivi arriverà accreditato sui conti correnti indicativamente tra il 16 e il 20 aprile da Sport e Salute S.p.A., che riceverà dagli uffici competenti le risorse stabilite dal Decreto Sostegni per l’indennità ai Collaboratori Sportivi. Come è sempre successo per le precedenti erogazioni, nella stessa giornata in cui avrà in cassa le somme previste Sport e Salute effettuerà i pagamenti ai beneficiari.

Procedura per l’accesso sulla piattaforma Sport e Salute

Per accedere alla piattaforma bisogna:

  • prendere appuntamento per l’accesso in piattaforma inviando un SMS con il Codice Fiscale al numero 339 9940875
  • accedere alla piattaforma al link  curaitalia.sportesalute.eu/accesso
  • inserire il proprio Codice Fiscale (tutto maiuscolo e tutto attaccato), la password scelta in fase di registrazione e il codice univoco ricevuto via SMS. Se avete dimenticato la password, potete cliccare qui: curaitalia.sportesalute.eu/nuovaPassword
    – inserite il codice fiscale scritto tutto maiuscolo e tutto attaccato;
    – controllate l’e-mail: troverà un messaggio inviato da parte di Cura Italia, contenente il link per chiedere una nuova password;
  • una volta ottenuto l’accesso alla piattaforma, seguite le indicazioni in home page;
  • una volta confermato l’invio, la procedura si considererà conclusa e sarete reindirizzati alla pagina iniziale.

Per eventuale supporto nell’accesso alla piattaforma è possibile contattare il numero 06.32722020, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 17:00.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus collaboratori sportivi 2021: requisiti, domanda e quando arriva