Nuovo bonus Inps da 500 euro (ma non per tutti): a chi spetta

Solo una categoria di lavoratori e pensionati può richiedere il bonus cicogna 2022, destinato ai nuovi nati e ai bambini adottati nel 2021

Sul sito dell’Inps è possibile scaricare il bando per il nuovo bonus cicogna 2022, che prevede l’erogazione una tantum di 500 euro in favore dei nati e adottati durante il corso dell’anno 2021. In quest’ultimo caso fa fede la data del provvedimento dell’Autorità competente. La prestazione è però destinata a una sola categoria di lavoratori e pensionati, e dunque non tutti gli iscritti all’ente previdenziale possono richiederla.

I nuovi requisiti per accedere al bonus cicogna

I beneficiari sono infatti i figli o gli orfani dei seguenti titolari del diritto.

  • Dipendenti del gruppo Poste Italiane. e iscritti alla gestione postelegrafonici sottoposti alla trattenuta mensile dello 0,40%.
  • Pensionati ex dipendenti del gruppo Poste Italiane o ex Ipost.

Il bonus cicogna 2022 può essere richiesto dal titolare del diritto, dal coniuge del titolare deceduto, in qualità di genitore superstite, o del titolare decaduto dalla responsabilità genitoriale, in qualità di genitore richiedente. Può inoltre essere richiesto dall’altro genitore, anche se non coniugato con il titolare della prestazione.

Come compilare la domanda per il bonus cicogna

La domanda deve essere presentata, esclusivamente in forma telematica attraverso la sezione Prestazioni del sito Inps, dalle ore 12 del 1 agosto 2022 alle ore 12 del 31 ottobre 2022. Per accedere al sito dell’Inps bisogna essere dotati di Spid, carta d’identità elettronica o carta nazionale dei servizi.

Si può arrivare al modulo dalla sezione Prestazioni e servizi / Prestazioni e scrivendo nella casella di ricerca “bonus cicogna”. Dunque cliccando sulla voce Servizi fondi gruppo Poste Italiane (Assistenza) ed entrando nell’area riservata. Sarà necessario dunque cliccare sulla voce Inserisci nuova domanda e seguire le indicazioni sullo schermo.

Nella domanda, oltre ai recapiti telefonici e l’indirizzo email, è necessario inserire il codice Iban del conto corrente bancario o postale sul quale saranno addebitati i 500 euro. In caso di adozione è necessario anche allegare il provvedimento dell’Autorità con la dichiarazione di conformità all’originale attraverso il modello AP17.

Come consultare la graduatoria del bonus cicogna

I contributi previsti dal bonus cicogna 2022 per i dipendenti e gli ex dipendenti delle Poste sono 640. La graduatoria sarà redatta in base ai valori dell’indicatore Isee del nucleo familiare del beneficiario. In caso di parità, saranno elargite le somme con priorità ai titolari del diritto con maggiore anzianità di iscrizione alla gestione Fondo Ipost.

Sono esclusi dalla prestazione i beneficiari per cui non sia pervenuto in banca dati l’Isee aggiornato, mentre finiranno in fondo alla lista quelli per cui non sia stata presentata una Dichiarazione sostitutiva unica in corso di validità.

La graduatoria finale sarà pubblicato sul sito dell’Inps. L’Istituto fa sapere che verrà inviato un sms a tutte le persone che riceveranno il bonus cicogna. Chi non riuscirà a ottenere il contributo riceverà invece un messaggio all’interno del portale, nella propria area riservata.

La procedura non è cambiata dunque rispetto al bonus cicogna 2021 di cui vi abbiamo parlato qui. Fate molta attenzione tuttavia alle comunicazioni che ricevete via e-mail e sms. Sta girando una nuova truffa che riguarda proprio l’Inps, come spiegato qua, con un messaggio che potrebbe causare danni enormi al vostro conto corrente. Per difendersi, meglio seguire la guida anti truffa dell’Istituto, che trovate qui.