Bonus bollette, il Governo cambia tutto: chi potrà riceverlo

Il nuovo decreto legge Energia verrà approvato dal governo Draghi nei prossimi giorni. Lo sconto sarà valido anche per chi ha già pagato: tutti i dettagli

I dati del Prodotto interno lordo del primo trimestre 2022, pubblicati dall’Istat, autorizzano ad avere un po’ di ottimismo per il prosieguo dell’anno. Perché se è vero che si è registrato un calo dello 0,2% rispetto al trimestre precedente, la diminuzione è stata meno marcata delle previsioni formulate dai tecnici del ministero dell’Economia, che avevano stimato in un -0,5% il saldo complessivo rispetto agli ultimi tre mesi del 2021.

Nuovo decreto Energia: i fondi previsti dal governo per aiutare gli italiani

A oggi però risulta difficile immaginare come le famiglie italiane possano davvero iniziare a guardare il futuro con il sorriso. Gli strascichi legati alla pandemia e le conseguenze globali della guerra in Ucraina stanno mettendo a dura prova cittadini e contribuenti, che hanno visto aumentare l’inflazione, schizzare il prezzo di benzina e diesel e impazzire il costo per le forniture di luce e gas.

Su quest’ultimo aspetto si sta concentrando il governo nella stesura del prossimo decreto legge, che come i precedenti si chiamerà dl Energia e dovrebbe essere approvato in Consiglio dei ministri già nella giornata di domani (lunedì 2 maggio 2022). Complessivamente verranno stanziati circa 6 miliardi di euro, che si aggiungono ai circa 16 miliardi già messi in campo dall’esecutivo di Mario Draghi durante la scorsa estate e ai più recenti 4,4 miliardi dello scorso marzo.

La novità sul bonus bollette: chi potrà riceverlo (anche se ha già pagato)

Massima priorità alle norme sull’energia, con una novità importante che riguarderà moltissimi cittadini da Nord a Sud. Il bonus sociale sulle bollette per gli utenti con Isee fino a 12 mila euro cambierà e diventerà retroattivo. Infatti, chi ha pagato le fatture di luce e gas senza lo sconto ma ha rilasciato una dichiarazione Isee che gli dà diritto al bonus riceverà un rimborso automatico nelle successive bollette.

Invece, nel caso in cui il pagamento non sia stato ancora effettuato, “l’importo verrà rideterminato con l’applicazione del bonus”, come si legge nella bozza preliminare del testo che verrà esaminata e ridiscussa dal premier con i titolari dei dicasteri. Sarebbe una boccata d’aria per i moltissimi nuclei familiari che hanno dovuto fare i salti mortali per fronteggiare i pagamenti di luce e gas in questa prima parte dell’anno senza risultare utenti morosi o inadempienti.

Non solo luce e gas: tutte le misure che verranno approvate

Queste norme saranno accompagnate da un pacchetto di aiuti alle imprese, mentre si cercano ancora risorse per tagliare il cuneo fiscale. Sicuramente nel decreto ci sarà anche la proroga del taglio delle accise sui carburanti fino a fine giugno, probabilmente il tema più sentito dalle moltissime industrie e aziende che non possono prescindere dall’utilizzo dei macchinari nel lavoro di tutti i giorni. Inoltre sono previsti anche sostegni per la liquidità alle piccole e medie imprese.

Infine il ministro dell’Economia Daniele Franco e quello dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti hanno ipotizzato altri interventi, a partire dall’allentamento della stretta sul Superbonus e dell’adeguamento dei prezzi degli appalti. Nonostante i continui scontri tra le forze politiche che sostengono la maggioranza, verranno stanziati anche nuovi fondi aggiuntivi per i profughi ucraini in arrivo dall’est Europa.