Bonus bici, cos’è lo scontrino parlante e quando riconosce l’agevolazione

Bonus bici e monopattini elettrici, per ottenere il rimborso basta lo scontrino parlante

Boom di domande per il bonus bici e monopattini: tantissimi, infatti, sono stati gli italiani che hanno deciso di approfittare dell’agevolazione riconosciuta dal Governo per incentivare la mobilità green. Chi ha già comprato è in attesa del rimborso, mentre chi ha intenzione di effettuare l’acquisto si starà chiedendo ancora come procedere per vedersi riconosciuto lo sconto. In entrambi i casi, bisognerà attendere che la piattaforma per presentare la richiesta diventi operativa, attualmente le istituzioni sono al lavoro sulla sua messa a punto.

Bonus bici, basta lo scontrino parlante

Al di là di quelli che possono essere i tempi di attesa, pare che per richiedere il bonus bici e monopattini basterà lo scontrino parlante. Ovviamente, resta sempre ferma la possibilità di ottenere l’agevolazione presentando la fattura ma, qualora tale documento non fosse disponibile, il Ministero dell’Ambiente ha stabilito che basterà lo scontrino purché – come già detto – sia parlante.

Coloro i quali hanno già acquistato la bici (anche a pedalata assistita) o veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica come monopattini, hoverboard e segway, dovranno quindi attendere che l’app per inoltrare domanda di rimborso diventi operativa. In alternativa, questo vale sopratutto per chi ancora non ha comprato nulla, quando l’applicazione sarà utilizzabile, ci sarà la possibilità di richiedere e ricevere un buono da far valere poi al momento dell’acquisto. Nel primo caso, per quelli che attendono il rimborso, sarà necessario presentare fattura o scontrino parlante. Nel secondo caso, invece, basterà compilare il form.

Cos’è lo scontrino parlante

Ma cos’è uno scontrino parlante? Proviamo a fare chiarezza: lo scontrino parlante è uno scontrino in cui sono esplicitati tutti i dettagli dei beni acquistati. È rilasciato dal rivenditore e reca l’indicazione della quantità dei prodotti comprati, specificandone anche la loro natura e il loro codice alfanumerico.

Lo scontrino parlante, per esempio, è quello rilasciato dalle farmacie, così particolarmente dettagliato che consente ai contribuenti di detrarre le spese mediche in sede di dichiarazione dei redditi.

Lo stesso documento, adesso, sarà valido per il riconoscimento del bonus mobilità che, ricordiamolo, permetterà ai contribuenti di ottenere un contributo pari al 60% della spesa sostenuta per l’acquisto di bici, monopattini, mezzi a propulsione elettrica e servizi di sharing mobility, ma sempre – come stabilito dal dl Rilancio – per importi non superiore a euro 500.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus bici, cos’è lo scontrino parlante e quando riconosce l&#8...